martedì 19 novembre 2019

Maxi dividendi al 9,1% annuo - Un portafoglio di dieci società con 48 super cedole annue

Dividendo 9,1% annuo - Dieci società ad alto dividendo e potenziali elevati di crescita per i prossimi mesi. Nel report di oggi pubblichiamo il nuovo aggiornamento mensile del nostro popolare portafoglio Top Dividend, composto da dieci società Usa selezionate con particolari criteri di ricerca e revisione tra quelle con i dividendi più elevati.

3

Approfittando dei forti potenziali di crescita e del dividendo particolarmente elevato, nel report di oggi inseriamo una nuova società petrolifera nel nostro portafoglio Top Dividend. Secondo le valutazioni di un pannello di 21 analisti internazionali, questa nuova azienda presenta un target a 6-12 mesi pari a +40,5% a cui si aggiunge un ricco dividendo pari a 8,1% annuo. Grazie a questo nuovo investimento, la rendita complessiva portafoglio resta attestata sopra il 9%. Nove dei dieci titoli che compongono il modello distribuiscono la cedola con cadenza trimestrale, e un titolo con cadenza mensile, per complessivi 48 incassi annuali.

La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da nuovi massimi per i nostri portafogli, sulla scia del buon andamento di Wall Street, che ha chiuso venerdì scorso a 3120,46 punti, facendo segnare un nuovo record. In particolare, il nostro modello Top Analisti, grazie ai due nuovi investimenti effettuati la scorsa settimana ha superato la soglia dei 5.000 dollari al mese di rendita da dividendo.

Dopo l'aggiornamento di martedì scorso, che includeva l'analisi dei modelli Top Analisti ed ETF Italia, l'edizione di oggi è interamente dedicata al nostro portafoglio Top Dividend, il popolare modello che si compone di dieci titoli quotati a Wall Street caratterizzati da dividendi elevati e superiori alla media di mercato. Dall'ultimo aggiornamento del 22 ottobre scorso, Top Dividend ha messo a segno un rialzo complessivo di +4,1%, con due società che hanno messo a segno guadagni superiori al 10%. Obiettivo primario del portafoglio Top Dividend è quello di massimizzare la rendita da dividendi, investendo sulle società con le cedole distribuite più elevate. Grazie alle nuove modifiche nella composizione, Top Dividend presenta oggi un rendimento attestati a livelli record, pari al 9,1% annuo, confermando i livelli del mese scorso.

Top Dividend - Riepilogo cedole incassate ultimi 12 mesi
(al netto ritenute fiscali)
2

Come si evidenzia dalla tabella riepilogativa del portafoglio pubblicata più avanti nel report, Top Dividend offre un potenziale complessivo a 12 mesi pari a +20,1%, tra dividendi previsti e potenziali capital gain (9,1% dividendo medio annuo +11% target medio analisti). Contestualmente, il rapporto prezzo utili (price earning) dei dieci titoli che compongono il portafoglio è attestato a sole 11,8 volte gli utili previsti per l'anno in corso, un livello sensibilmente inferiore rispetto alle 17,7 volte dell'indice S&P500, confermando una sottovalutazione del modello rispetto al mercato.

Questo portafoglio, partito nel settembre di 19 anni fa, ha messo a segno una performance complessiva record, pari a +703%, contro +1946% realizzato dall'indice S&P500 nello stesso periodo, confermando l'efficacia delle strategie a dividendo nel lungo termine, in un intero ciclo di mercato. Top Dividend è un potente strumento che permette di beneficiare di una elevata rendita passiva, abbinata a potenziali capital gain di medio termine. Top Dividend è uno dei tre portafogli internazionali inclusi nel servizio online di Secondo Livello e viene elaborato utilizzando un sofisticato sistema di ricerca in grado di identificare ogni mese un ristretto gruppo di dieci società caratterizzate da dividendi periodici attestati ai massimi livelli e fondamentali a sconto rispetto al mercato.

Approfittando delle valutazioni interessanti, proseguiamo nella nostra strategia indirizzata all'investimento in società caratterizzate da lunghi track record di crescite dei dividendi, reinvestendo con costanza le cedole incassate, e sfruttando il questo modo il potente effetto leva derivante dall'interesse composto. Secondo uno studio realizzato da Morningstar, che prende in considerazione 56 anni di borsa Usa (dal 1960 al 2016), un capitale di 10.000 dollari investito nel 1960 sui titoli a dividendo dell'indice S&P500, si è trasformato a fine 2016 in un importo pari a 2.120.940 dollari, considerando il reinvestimento dei dividendi, contro 385.273 dollari senza i dividendi (vedi grafico sotto), confermando come nel lungo termine gran parte della ricchezza accumulata sia stata generata proprio dai dividendi, spostando in secondo piano i soli capital gain.

2

Considerando l'intero periodo storico del mercato azionario Usa, e analizzando le performance secolari, notiamo che i dividendi acquistano ancora maggiore importanza nella determinazione delle performance complessive. Dal gennaio 1871 ad oggi la performance della borsa Usa è stata pari al 4,4% annuo composto senza considerare i dividendi e del 9% annuo composto calcolando il reinvestimento dei dividendi. Il potente effetto leva generato dell'interesse composto amplifica in maniera esponenziale i risultati. In numeri assoluti questo significa una performance pari a +66.637% senza dividendi e +39.134.376% con i dividendi! (vedi tabella sotto (fonte dqydi.net)

2

In sintesi, i dividendi sono stati la maggiore componente per la performance complessiva dei mercati azionari nel lungo termine.

Dogs Of The Dow - La base di partenza della nostra strategia operativa

Sulla base delle analisi storiche che evidenziano l'effettiva importanza dei dividendi, il nostro portafoglio Top Dividend è nato nel 2000 da una evoluzione e rivisitazione di "The Dogs of The Dow", una popolare strategia di Michael O'Higgins. Creata nel 1991, questa tecnica si propone di selezionare i dieci titoli del Dow Jones Industrial con il dividend yield più elevato mantenendoli in portafoglio per un anno intero senza modifiche. Higgins nei suoi studi aveva notato che in un orizzonte di medio termine i titoli selezionati mediante questa metodologia ottenevano costantemente performance superiori al mercato. Complessivamente, dal 1973 ad oggi la strategia ha messo a segno un rendimento annuo composto pari a +17,7%, contro una performance dell’indice Dow Jones pari a +11,9% annuo nel periodo.

2
source: money-zine.com

Portafoglio Top Dividend - Affinamento della metodologia di selezione

Dopo aver analizzato i risultati conseguiti dalla strategia dei Dogs, ci eravamo chiesti se fosse stato possibile migliorare ulteriormente le performance con opportuni adattamenti della tecnica. Dopo diversi test, analisi e simulazioni di backtest, abbiamo quindi creato un portafoglio potenzialmente in grado di sfruttare in maniera più efficace la strategia di Higgins. Affinando la metodologia dei Dogs, il Top Dividend seleziona i dieci titoli ad alto dividendo muovendosi non solo all’interno delle società a maggiore capitalizzazione, ma esplorando anche il ricco mondo delle Small Cap, tendenzialmente più performanti nel medio lungo termine ed attuando una revisione mensile (anziché annuale) dei titoli presenti in portafoglio. Applicando questi parametri, negli ultimi 18 anni siamo riusciti a migliorare ulteriormente le performance rispetto al modello iniziale. Partendo da queste considerazioni, presentiamo il nuovo portafoglio Top Dividend, che raggruppa i dieci titoli del listino Usa con i dividendi più elevati, da acquistare oggi e validi per i prossimi 30 giorni. Le performance di lungo termine ottenute da questo modello negli anni confermano la validità e l’importanza delle cedole. Si tratta di una strategia potente e facile da seguire, caratterizzata da pochi trading mensili (in media tra due e tre compravendite al mese), che sta raccogliendo attenzioni crescenti da parte dei nostri abbonati, che utilizzano il Top Dividend assieme ad altri investimenti per incrementare le entrate mensili. I dieci nuovi titoli che abbiamo selezionato per il report di oggi offrono complessivamente livelli cedolari elevati, con un rendimento medio annuo pari al 9,1% ed un price earning medio pari a 11,8 volte, rispetto ai multipli offerti dall’indice S&P500, che presenta dividendi a 1,9%, ed un price earning a 17,7 volte. Secondo i dati di Back Test, dalla partenza di settembre 2000 ad oggi, il portafoglio ha messo a segno un rendimento pari al 11,7% annuo composto, contro una performance dell'indice S&P500 pari al 5,9% annuo nello stesso periodo. Il rendimento cumulativo del modello è stato pari a +703%, contro +194% realizzato dall'indice S&P500 nello stesso periodo. In sintesi, il nostro pacchetto di dieci titoli ad alto dividendo ha ottenuto negli anni una performance complessiva superiore di oltre quattro volte rispetto alla borsa. Dalla partenza, un capitale di 12.000 dollari investito in parti uguali nei dieci titoli del Top Dividend, è diventato ad oggi 98.145 dollari, contro 35.986 dollari ottenuti dall’indice S&P500 nello stesso periodo. Con una redditività elevata, e una media di oltre 40 cedole annue distribuite ai partecipanti, Top Dividend si propone di ottenere un mix di dividendi e performance superiori nel corso di un intero ciclo di mercato.

1

Vediamo ora nel dettaglio il nuovo portafoglio Top Dividend per il mese in corso.

Dividendo 9,1% - I dieci titoli del portafoglio Top Dividend
(per visualizzare tutti i nomi dei titoli PASSA AL LIVELLO 2)

1

Come si evidenzia dalla tabella, la nuova selezione dei dieci titoli conferma rendimenti elevati, con un dividendo medio pari a 9,1% annuo. La tabella, contiene diversi indicatori fondamentali, per permettere ai nostri abbonati di effettuare ulteriori analisi e approfondimenti. La tabella include i principali multipli per ciascun titolo, tra cui l’indicatore Beta a 60 mesi. Il Beta è il coefficiente che misura il comportamento di un singolo titolo rispetto al mercato, ovvero la variazione che un titolo assume storicamente rispetto alle variazioni del mercato. Un Beta maggiore di uno evidenzia oscillazioni di un titolo superiori al mercato, mentre un Beta inferiore ad uno mostra movimenti del titolo inferiori alle variazioni del mercato. Attualmente il Beta medio del portafoglio è pari a 0,8 con una rischiosità inferiore rispetto al mercato. Questa indicatore si aggiunge a due ulteriori colonne di analisi che riportano per ciascun titolo il target medio a 12 mesi rilevato dagli analisti e il potenziale di guadagno in termini percentuali. In aggiunta ai target, i nostri lettori possono consultare altri indicatori fondamentali presenti nella tabella, come il price earning, i giudizi dei broker e la percentuale di Pay Out relativa al dividendo. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo.

Obiettivo di crescita a 12 mesi: +20,1% (potenziale 11% + 9,1% dividendi). Per calcolare il potenziale di crescita del portafoglio abbiamo considerato il target medio assegnato ai dieci titoli dai principali broker e analisti internazionali per i prossimi 6-12 mesi, visibili nella tabella mensile. Secondo questi parametri, Top Dividend offre complessivamente un potenziale di crescita a 12 mesi escluso dividendi pari a +11% dai livelli attuali. Sommando i dividendi previsti, pari ad un ulteriore 9,1% annuo, il rendimento obiettivo sale a +20,1%. I target potenziali degli analisti sono pubblicati a scopo informativo e per un maggiore approfondimento da parte dei nostri lettori, ma non vengono considerati nella costruzione del portafoglio. La nostra selezione dei titoli si basa principalmente sul dividendo. Il giudizio medio dei broker sul titoli del portafoglio è pari a 3 in una scala da 1 a 5 ( 1= Strong Buy, 2=Buy, 3=Hold, 4=Moderate Sell, 5=Sell). I dieci titoli offrono in media un dividendo lordo pari a 9,1% annuo, con un range oscillante tra 13,3% del titolo a maggiore dividendo e 6,7% del titolo con il minore dividendo.

Movimenti di oggi per il portafoglio Top Dividend

Vendite:

Vendiamo 130 azioni AbbVie Inc. (intera partecipazione), quotata sul Nyse con simbolo ABBV, con un guadagno di +13,8% più dividendi in soli sei mesi dal nostro inserimento in portafoglio. Dopo i recenti incrementi, questa importante società farmaceutica internazionale non presenta più i requisiti di elevato rendimento sulla base del dividendo per la permanenza nel portafoglio Top Dividend. L'attuale dividendo presenta infatti una redditività pari al 4,8% sugli attuali prezzi di borsa. Su queste basi, preferiamo vendere il titolo per sostituirlo con una nuova partecipazione che offre un dividendo attuale pari a 8,1% abbinato a potenziali di crescita più elevati. Nonostante la vendita di oggi, AbbVie mantiene ancora valutazioni a sconto e resta uno dei nostri investimenti chiave per il portafoglio Top Analisti, con una performance record maturata pari a +93,8% dal 2013, data di inserimento nel modello.
Nuovi acquisti: utilizziamo il contante disponibile in cassa derivante dalla vendita di oggi e dagli ultimi dividendi incassati e acquistiamo:

Acquistiamo 280 azioni PASSA AL LIVELLO 2, dividendo 8,1% e potenziale medio +40,5% sulla base delle valutazioni di 21 analisti internazionali. Recentemente, Warren Buffett, uno dei Guru di Wall Street, più popolari per le sue performance record, ha investito oltre 300 milioni di dollari in questa azienda, generando un rinnovato interesse sul titolo da parte degli investitori. Fondata nel 1920 ed oltre 11.000 dipendenti, la società si occupa dell'acquisizione, esplorazione e sviluppo di proprietà petrolifere e di gas negli Stati Uniti e a livello internazionale. La società opera attraverso tre segmenti: petrolio e gas, chimica, midstream e marketing. Il segmento petrolio e gas esplora, sviluppa e produce prodotti petroliferi, gas naturale liquido (NGL) e gas naturale. Il segmento chimica produce e commercializza prodotti chimici di base, tra cui cloro, soda caustica, composti organici clorurati, prodotti chimici di potassio, dicloruro di etilene, isocianurati di cloro, silicati di sodio e cloruro di calcio, vinili comprendenti monomero di cloruro di vinile, cloruro di polivinile ed etilene. Il segmento midstream e marketing raccoglie, elabora, trasporta, immagazzina, acquista e commercializza petrolio, NGL, gas naturale, ed energia. Questo segmento si occupa anche delle sue attività di trasporto e stoccaggio.

Dopo queste modifiche, i dieci titoli che compongono il modello resteranno in portafoglio senza variazioni per le prossime quattro settimane, fino a martedì 17 dicembre 2019, data del prossimo aggiornamento mensile.

Buone performance a tutti!
Paolo Crociato

Con soli 19,99 euro mensili a mezzo carta di credito, o tramite bonifico bancario è possibile rimanere sempre aggiornati su tutte le ultime raccomandazioni dei migliori analisti e Guru internazionali. L'abbonamento è libero e può essere sospeso anche dopo il primo mese. Ad un costo di 66 centesimi al giorno, e meno di un qualsiasi quotidiano, gli iscritti al secondo livello ricevono tutti i martedì i portafogli, i consigli e le raccomandazioni di un pannello tra i maggiori esperti internazionali, che negli ultimi 50 anni hanno già dimostrato le loro capacità di battere il mercato con qualsiasi andamento, accumulando e creando ricchezza per i loro clienti. Il nostro sistema, dopo una breve registrazione, permette di effettuare il pagamento on line con tutte le principali carte di credito, incluso le prepagate. In pochi minuti, dopo l'attivazione, gli iscritti ricevono una mail di benvenuto con i codici di accesso al servizio per l'area riservata.

clicca qui per abbonarti anche per un solo mese: ISCRIZIONE


Regola base: disciplina di investimento
Noi consideriamo lo stile "value classico" come un metodo disciplinato, conservativo e di buon senso. Investire "value" è a nostro avviso il modo migliore per approcciare il mercato nel lungo termine.

Nessun commento:

Posta un commento