martedì 20 aprile 2021

Dividendo 4,8% e forte sconto in borsa per un aristocratico dei dividendi nel settore biofarmaceutico


La società farmaceutica che presentiamo oggi vanta un lungo track record di ben 48 anni consecutivi di crescite dei dividendi e offre una rendita elevata pari al 4,8% annuo, con un price earning pari a sole 7,7 volte gli utili previsti per l'anno in corso.

La settimana appena trascorsa ha continuato a macinare record per i principali mercati azionari internazionali, con l'indice S&P500 che ha chiuso venerdì scorso a quota 4.185,47 punti, segnando un nuovo massimo storico, sulla scia delle forti crescite previste per gli utili delle società nei prossimi trimestri. In questo contesto, ben 15 titoli del nostro portafoglio Top Analisti hanno messo a segno rialzi settimanali di oltre il 2%. Al primo posto per incremento troviamo la società farmaceutica Pfizer (PFE), con un progresso di +5,38%, nelle ultime cinque sedute, sulla scia del boom dei ricavi previsti dai vaccini per il Covid 19. Al secondo posto, con un guadagno settimanale di +5,25%, troviamo il leader mondiale nella produzione di aghi e siringhe, inserita nuovamente in portafoglio nel report di martedì scorso, con una tempistica precisa che ci ha permesso di acquistare prima del rialzo di breve termine.

A questi livelli, l'indice S&P500 risulta sopravvalutato di circa il 36% rispetto alle medie storiche, con un price earning pari a 42,61 volte gli utili, contro una media storica di 15,92 volte. Per ritrovare una valore così elevato bisogna tornare alla bolla dei titoli tecnologici del 2000, che aveva poi generato una significativa correzione del mercato.

S&P500 - Price earning storico dal 1871 ad oggi

2

A questo proposito gli analisti si attendono una crescita più modesta per l'indice S&P500 nel futuro, con un rendimento medio atteso pari a solo 4,3% annuo per i prossimi 5 anni, e 7,9% annuo per i prossimi 30 anni. A questo proposito, Charlie Munger, principale partner di Warren Buffett nella Berkshire Hathaway, recentemente ha messo in guardia sulla possibilità che si verifichi un "lost decade" ovvero un prossimo decennio di performance molto basse per i mercati azionari. In questo contesto, i Dividend Aristocrats, ovvero quel ristretto numero di società con almeno 25 anni di crescite dei dividendi, dovrebbero generare performance superiori, con un guadagno previsto pari al 10,6% annuo. Come abbiamo già più volte segnalato, più che di mercato azionario, sarebbe corretto parlare di "mercato di azioni", nel senso che anche in un mercato sopravvalutato come quello attuale esistono sempre delle occasioni a sconto, caratterizzate da crescite elevate e potenziali superiori per il futuro, indipendentemente dall'andamento volatile dei mercati azionari nel breve termine. La nuova azienda di oggi risponde a questi parametri e rappresenta secondo gli analisti una opportunità a rendita elevata, capace di produrre flussi di reddito superiori abbinati a potenziali capital gain per i prossimi anni. Vediamo ora nel dettaglio le variazioni da apportare ai nostri tre modelli di portafoglio, inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili sottoscrivibile con carta di credito o bonifico bancario online.

Portafoglio Top Analisti

Descrizione portafoglio Top Analisti: Questo particolare portafoglio è attualmente uno dei più replicati dai nostri abbonati, e racchiude  in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di alcuni tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da oltre 60 società internazionali quotate sul Nyse e sul Nasdaq, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 250 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Nel file PDF relativo al portafoglio, aggiornato ogni settimana e scaricabile ad inizio report, è indicata la percentuale investita su ogni titolo. In questo modo, ciascun abbonato può replicare il portafoglio con precisione, con importi superiori o inferiori a quelli indicati, semplicemente aumentando o diminuendo le singole quantità da acquistare per ogni titolo con la stessa proporzione suggerita nel modello.

Fondamentali portafoglio Top Analisti: Sulla base delle ultime chiusure di borsa, il portafoglio presenta un dividendo medio atteso pari al 3% annuo. Il price earning medio del portafoglio è pari a 18,8 volte gli utili attesi per il prossimo anno (Forward P/E). Il Pay Out medio è pari allo 0,8. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, preferiamo società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di ulteriori incrementi delle cedole anche per il futuro. Attualmente il portafoglio presenta una rischiosità inferiore al mercato, con un Beta pari a 0,9. Il Beta è una misura del rischio di una azione e misura la variazione attesa del rendimento del titolo per ogni variazione di un punto percentuale del rendimento di mercato. Una azione con un Beta superiore a 1 tende ad amplificare i movimenti di mercato (il titolo è più rischioso del mercato). Al contrario, una azione con Beta compreso tra 0 e 1 tende a muoversi nella stessa direzione del mercato (il titolo è meno rischioso del mercato).

Potenziale portafoglio Top Analisti a 6-12 mesi+7,5% (4,5% target medio analisti +3,0% dividendo medio) secondo le valutazioni medie di 11 analisti internazionali, con un rating medio dei titoli pari a BUY (2), in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell.

Movimenti di oggi per il portafoglio Top Analisti:

Vendite: PASSA AL LIVELLO 2

Nuovi acquisti: PASSA AL LIVELLO 2. Segue analisi dettagliata del titolo.

Dividendo 4,8% e forte sconto in borsa per un aristocratico dei dividendi nel settore biofarmaceutico

Principali motivazioni di acquisto: La nuova società di cui parliamo oggi è presente nel nostro portafoglio Top Analisti dal 2013, con una performance record di +136% sui nostri prezzi medi di carico. Nonostante i brillanti risultati, il titolo risulta ancora sottovalutato e interessante per ulteriori acquisti, con i maggiori analisti internazionali che assegnano un rating STRONG BUY e forti potenziali di crescita degli utili e dividendi per i prossimi anni. A conferma delle valutazioni interessanti, Warren Buffett, il leggendario Guru di Wall Street famoso per le sue performance record in borsa, ha acquistato negli ultimi mesi oltre 25 milioni di azioni di questa azienda, con un investimento di 2,7 miliardi di dollari. In aggiunta, in una fase di mercato vicina ai massimi storici, il settore farmaceutico risulta più difensivo, con i consumatori meno propensi a modificare il consumo di farmaci durante le varie fasi dei cicli economici. I timori per la possibile concorrenza da parte dei farmaci generici, e la scadenza imminente dei brevetti su alcuni prodotti chiave della società, hanno indebolito il titolo negli ultimi anni, con le quotazioni attuali ancora attestate ad un livello inferiore del 12% rispetto ai massimi di febbraio 2018. Nonostante questi aspetti, la società resta una delle più interessanti del settore in prospettiva futura e diversi analisti da noi monitorati assegnano potenziali elevati e crescite di utili superiori al comparto per i prossimi anni.

Descrizione del business: Nata come realtà autonoma in seguito ad uno spinoff, questa società con oltre 47.000 dipendenti opera in 170 paesi del mondo nel settore biofarmaceutico, e produce una vasta gamma di farmaci di ultima generazione, in grado di aiutare le persone a gestire alcune delle più gravi malattie, quali artrite reumatoide, epatite C, psoriasi, morbo di Crohn, Alzheimer e Parkinson, patologie quali immunologia, oncologia, malattie renali croniche e salute delle donne.

Trend storico degli utili e previsioni: Negli ultimi 5 anni la società ha incrementato gli utili ad un tasso record pari a +21,9% annuo. Per i prossimi 5 anni gli analisti confermano il trend e stimano una crescita annua composta degli utili pari al 11% annuo.

Trend del dividendo: La società ha pagato dividendi senza interruzioni dal 1924 ad oggi, ed ha incrementato la cedola per 48 anni consecutivi. Dalla data dello spinoff il dividendo è quasi triplicato, con un incremento di +293% in 8 anni. Alle attuali quotazioni il rendimento è pari ad un ricco 4,8% annuo. Negli ultimi anni, il dividendo si è mosso da un minimo del 2,4% nei periodi di maggiore sopravvalutazione, ad un massimo del 4,5% nei periodi di maggiore sottovalutazione del titolo. Il dividendo attuale, pari al 4,8% annuo, indica un forte sconto del titolo in borsa. Per tornare in area di sopravvalutazione il titolo dovrebbe più che raddoppiare dai valori attuali.

Multipli di borsa: Il price earning attuale del titolo è pari a sole 7,7 volte gli utili attesi per il 2021, uno dei livelli più bassi tra tutti i big del settore farmaceutico. La capitalizzazione attuale è pari a 190 miliardi, con un rapporto prezzo/ricavi pari a 4,1 volte.

Performance in borsa: Considerando il reinvestimento dei dividendi incassati, dal 1 gennaio 2013, il titolo vanta una performance complessiva record pari a +335%, contro +235% dell'indice S&P500, ed è attualmente una delle posizioni più rilevanti del modello come incidenza percentuale.

1

martedì 13 aprile 2021

Ordini record per un miliardo di aghi e siringhe nel 2021 - Potenziale +16% e dividendi in crescita da 49 anni per il leader mondiale del settore


La società che inseriamo oggi nel nostro portafoglio è uno dei maggiori produttori al mondo nel settore delle siringhe. Grazie alle vaccinazioni di massa per il Covid 19 a livello globale, questa azienda ha già ricevuto negli ultimi mesi ordini per oltre un miliardo di siringhe, con prospettive di ulteriori maxi commesse per il futuro. Con ben 49 anni consecutivi di crescite dei dividendi e performance record in borsa, la società offre alle attuali quotazioni solidi fondamentali e potenziali elevati di aumenti di utili e ricavi per i prossimi anni.

Iniziamo il report di questa settimana analizzando i dividendi incassati, la componente più importante per i nostri portafogli, che si propongono di generare rendite passive crescenti anno dopo anno, con l'obiettivo di ottenere nel tempo una vera indipendenza finanziaria, ovvero superare quel momento in cui le entrate mensili saranno potenzialmente in grado di coprire interamente le uscite mensili, permettendoci di vivere con le rendite percepite. Il mese di marzo ha confermato ancora una volta flussi di dividendi elevati per il modello Top Analisti, con un totale di 26 dividendi incassati nel mese, per un totale pari a 5.775 dollari, confermandosi come uno dei mesi con le entrate più elevate nell'anno. In particolare, questo dato conferma la grande stabilità e importanza della componente dividendi nella performance globale dei mercati azionari nel lungo termine. Dal 2010 ad oggi, nel portafoglio Top Analisti i dividendi reinvestiti hanno contato per il 38,4% della performance complessiva, con un incremento delle rendite di +98% nel periodo. Grazie alle crescite costanti delle rendite, e al potente effetto leva generato dall'interesse composto, il rendimento attuale dei dividendi rapportato ai nostri prezzi di medi carico (yield on cost) ammonta ad un significativo 8,3% annuo, rispetto al 3% annuo sugli attuali prezzi di borsa e all'1,3% annuo dell'indice S&P500. Complessivamente, negli ultimi 11 anni abbiamo incassato un totale dividendi che supera l'intero capitale originariamente investito, a cui si sommano tutte le plusvalenze realizzate nel periodo.

2

Riepilogo dividendi incassati marzo 2021

(per visualizzare tutti i titoli PASSA AL LIVELLO 2)

7

Vediamo ora nel dettaglio le variazioni da apportare ai nostri tre modelli di portafoglio, inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili sottoscrivibile con carta di credito o bonifico bancario online.

Portafoglio Top Analisti

Descrizione portafoglio Top Analisti: Questo particolare portafoglio è attualmente uno dei più replicati dai nostri abbonati, e racchiude  in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di alcuni tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da oltre 60 società internazionali quotate sul Nyse e sul Nasdaq, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 250 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Nel file PDF relativo al portafoglio, aggiornato ogni settimana e scaricabile ad inizio report, è indicata la percentuale investita su ogni titolo. In questo modo, ciascun abbonato può replicare il portafoglio con precisione, con importi superiori o inferiori a quelli indicati, semplicemente aumentando o diminuendo le singole quantità da acquistare per ogni titolo con la stessa proporzione suggerita nel modello.

Fondamentali portafoglio Top Analisti: Sulla base delle ultime chiusure di borsa, il portafoglio presenta un dividendo medio atteso pari al 3% annuo. Il price earning medio del portafoglio è pari a 18,6 volte gli utili attesi per il prossimo anno (Forward P/E). Il Pay Out medio è pari allo 0,8. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, preferiamo società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di ulteriori incrementi delle cedole anche per il futuro. Attualmente il portafoglio presenta una rischiosità inferiore al mercato, con un Beta pari a 0,9. Il Beta è una misura del rischio di una azione e misura la variazione attesa del rendimento del titolo per ogni variazione di un punto percentuale del rendimento di mercato. Una azione con un Beta superiore a 1 tende ad amplificare i movimenti di mercato (il titolo è più rischioso del mercato). Al contrario, una azione con Beta compreso tra 0 e 1 tende a muoversi nella stessa direzione del mercato (il titolo è meno rischioso del mercato).

Potenziale portafoglio Top Analisti a 6-12 mesi+8,0% (5,0% target medio analisti +3,0% dividendo medio) secondo le valutazioni medie di 11 analisti internazionali, con un rating medio dei titoli pari a BUY (2), in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell.

Movimenti di oggi per il portafoglio Top Analisti:

Vendite: PASSA AL LIVELLO 2

Nuovi acquisti: 4 azioni PASSA AL LIVELLO 2, portando il controvalore a 78 azioni, per un totale pari a 1% del portafoglio. Segue analisi dettagliata della società.

Ordini record per un miliardo di aghi e siringhe nel 2021 - Potenziale +16% e dividendi in crescita da 49 anni per il leader mondiale del settore

Principali motivazioni di acquisto: La nuova società di cui parliamo oggi è presente nel nostro portafoglio Top Analisti dal 2012, con una performance record di +223,5%. Nonostante i brillanti risultati, il titolo risulta ancora sottovalutato e interessante per ulteriori acquisti, con i maggiori analisti internazionali che assegnano un rating BUY e forti potenziali di crescita degli utili e dividendi per i prossimi anni. L'azienda è il più grande produttore di dispositivi di iniezione al mondo, e produce miliardi di siringhe e aghi ogni anno attraverso la sua rete di produzione globale. Oltre ad aumentare la produzione di aghi e siringhe, la società sta lavorando a stretto contatto con governi e organizzazioni multilaterali in tutto il mondo per espandere l'accesso ai test diagnostici e supportare il trattamento dei pazienti COVID-19. L'azienda ha fornito ai fornitori di assistenza sanitaria a livello globale milioni di prodotti utilizzati nella lotta contro il COVID-19, tra cui tamponi per i test influenzali e COVID-19, test diagnostici molecolari rapidi, test antigene point-of-care di 15 minuti, pompe per infusione, set di infusione e cateteri. Questi strumenti vengono utilizzati anche dai ricercatori di tutto il mondo per comprendere meglio la risposta immunitaria umana al COVID-19.

Questa società ha superato la soglia record di 1 miliardo di ordini di dispositivi di iniezione a sostegno degli sforzi di vaccinazione COVID-19 in tutto il mondo. L'azienda, una delle principali società di tecnologia medica globale, ha annunciato di aver ricevuto ordini pandemici per aghi e siringhe per un totale di oltre 1 miliardo di dispositivi di iniezione per supportare gli sforzi globali di pianificazione della vaccinazione COVID-19. Questa pietra miliare riflette gli impegni dei governi di tutto il mondo, tra cui Stati Uniti, Australia, India, Belgio, Canada, Germania, Paesi Bassi, Arabia Saudita, Spagna e Regno Unito, e molti altri, nonché delle organizzazioni non governative che sostengono l'implementazione di vaccini per i paesi in via di sviluppo. Le spedizioni sono già in corso e finora sono stati consegnati oltre 300 milioni di dispositivi di iniezione in tutto il mondo, con i restanti ordini da consegnare da qui alla fine del 2021 per supportare la somministrazione di massa dei vaccini. Questi dispositivi vengono spediti ai governi e ai partner di distribuzione dove saranno poi distribuiti alle strutture sanitarie in base alla strategia di distribuzione e allocazione individuale di ciascun paese. La società continua a essere in discussione con i governi e le organizzazioni non governative sulla necessità di effettuare immediatamente ordini per ulteriori consegne anche per l'anno 2022.

"Questa pietra miliare è più di un semplice numero: rappresenta centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, come i lavoratori in prima linea e i propri cari a rischio che ora sono in grado di ricevere una vaccinazione", ha dichiarato il presidente della società. "I nostri team di produzione e le catene di approvvigionamento stanno lavorando 24 ore su 24 per realizzare e consegnare questi dispositivi essenziali in tutto il mondo. Dalla nostra decennale esperienza di immunizzazione, sappiamo anche che il nostro lavoro non si ferma alla consegna. Siamo ugualmente impegnati a fornire risorse per garantire che le comunità sanitarie a livello globale abbiano i giusti strumenti di formazione e supporto sulle tecniche di iniezione per implementare queste campagne".

L'azienda continua a pianificare da vicino le capacità di fornitura per garantire che i massimi volumi possano essere dedicati agli sforzi Covid-19 riducendo al minimo le interruzioni per l'assistenza sanitaria di routine e i programmi annuali di vaccinazione antinfluenzale e immunizzazione infantile. Oltre a sostenere gli sforzi immediati per la vaccinazione COVID-19, l'azienda sta anche lavorando su più fronti per contribuire a garantire che la comunità globale sia preparata per i futuri sforzi di vaccinazione pandemica. E' attualmente in corso con il governo degli Stati Uniti un progetto di capitale da 70 milioni di dollari per espandere ulteriormente le operazioni e la capacità produttiva in Nebraska. La nuova capacità dovrebbe essere operativa nell'estate 2021 e, una volta completata, il governo federale avrà accesso prioritario a centinaia di milioni di dispositivi di iniezione per sostenere gli sforzi di vaccinazione per il Covid-19. In aggiunta, sono previsti investimenti per circa $ 1,2 miliardi in un periodo di 4 anni per espandere e aggiornare la capacità produttiva e la tecnologia per siringhe pre-riempibili e sistemi avanzati di somministrazione di farmaci per consentire una crescita continua di nuovi farmaci e vaccini iniettabili, ma per anche fornire capacità di sovratensione per aumentare la domanda di siringhe pre-riempibili durante i periodi di risposta alla pandemia. Su queste basi, la società si sta impegnando attivamente con associazioni med-tech e gruppi di ricerca per affrontare sfide, soluzioni e ulteriori innovazioni a sostegno di un ecosistema vaccinale futuro più sostenibile.

Descrizione del business: Fondata nel lontano 1897 ed oltre 70.000 dipendenti, questa società è una delle più grandi aziende tecnologiche mediche globali al mondo e sta facendo progredire il mondo della salute migliorando le scoperte mediche, la diagnostica e la fornitura di cure. L'azienda supporta gli operatori in prima linea nell'assistenza sanitaria sviluppando tecnologie, servizi e soluzioni innovative che aiutano a far progredire sia la terapia clinica per i pazienti che il processo clinico per gli operatori sanitari. La società si impegna contribuendo a migliorare la sicurezza e l'efficienza del processo di erogazione delle cure dei medici, per consentire agli scienziati di laboratorio di rilevare con precisione le malattie e far progredire le capacità dei ricercatori di sviluppare la prossima generazione di diagnostica e terapie. E' presente praticamente in tutti i paesi e collabora con organizzazioni di tutto il mondo per affrontare alcuni dei problemi di salute globali più impegnativi. Lavorando in stretta collaborazione con i clienti, può contribuire a migliorare i risultati, ridurre i costi, aumentare l'efficienza, migliorare la sicurezza ed espandere l'accesso all'assistenza sanitaria.

Trend del dividendo: La società vanta un importante primato nei confronti dei suoi azionisti, con aumenti del dividendo per 49 anni consecutivi. Il dividendo attuale è pari a 1,3% annuo, corrisposto in quattro rate trimestrali, con un Pay Out pari al 61%. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, sono da preferire società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di stabilità delle cedole anche per il futuro. Negli ultimi 10 anni il tasso di crescita del dividendo è stato pari al 7,6% annuo composto.

Trend storico degli utili e previsioni: Negli ultimi 5 anni la società ha incrementato gli utili con una crescita media del 13,5% annuo composto. Per i prossimi 5 anni gli analisti stimano una crescita annua composta degli utili pari al 12% annuo.

Multipli di borsa: Il price earning attuale è pari a 18,5 volte gli utili attesi per il 2021. La capitalizzazione attuale è pari a 72 miliardi, con un rapporto prezzo/ricavi pari a 3,9 volte.

Performance in borsa: Dal 8 gennaio 1995 ad oggi il titolo ha messo a segno risultati record, con un rendimento complessivo pari a +2337%, pari a 13,2% annuo composto. Nonostante i progressi di lungo termine, il titolo quota ora ad un prezzo inferiore del 10% rispetto ai massimi toccati in novembre 2019, creando una interessante opportunità di acquisto alle attuali quotazioni.

6

Giudizio degli analisti e valutazioni: Il giudizio medio dei 16 analisti e broker che seguono il titolo è pari a 1,8 (BUY) su una scala da 1 a 5 ( 1= Strong Buy, 2=Buy, 3=Hold, 4=Moderate Sell, 5=Sell), con un potenziale pari a +15,9% per i prossimi 12 mesi.

7

Applichiamo ora una valutazione del titolo sulla base del Dividend Discount Model (DDM). Questo sistema è un metodo usato per la valutazione dei titoli a dividendo. Secondo questo metodo, il valore intrinseco di una società è pari alla somma di tutti i dividendi futuri previsti, attualizzati al valore di oggi, secondo un tasso corretto per il rischio, e tenendo conto del fattore tempo. Abbiamo considerato i seguenti parametri per il calcolo:

martedì 6 aprile 2021

Portafoglio aprile 2021 - Dieci società ad elevato rendimento ed oltre 50 anni consecutivi di crescite dei dividendi


Costruire una rendita mensile crescente investendo in un paniere composto da 10 aziende internazionali ad elevato dividendo, con un rendimento superiore al 5% annuo e forti potenziali per i prossimi anni. Nel report di oggi utilizziamo la liquidità disponibile nel portafoglio Top Dividend per reinvestire su Coca Cola, approfittando del recente aumento del dividendo, che porta a 59 anni consecutivi di crescite dei dividendi.

Dopo l'aggiornamento di martedì scorso dei portafogli Top Analisti e ETF Italia, come di consueto il report di oggi è interamente dedicato al portafoglio Top Dividend, il nostro modello composto in maniera costante da dieci società internazionali leader per dividendo. La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da un andamento in ulteriore rialzo per i nostri portafogli, cavalcando i nuovi massimi della borsa Usa, con l'indice S&P500 che ha superato per la prima volta quota 4000 punti. In questo contesto Top Dividend, che raggruppa in un solo modello dieci società leader con almeno 25 anni di crescite consecutive dei dividendi, è stato il portafoglio più performante, con una crescita record nel primo trimestre pari a +17,4% da inizio 2021, contro +7% dell'indice S&P500. In termini monetari, il portafoglio è passato da 72.739 dollari del 1 gennaio 2021, a 85.402 dollari di venerdì scorso, con un incremento di 12.662 dollari, di cui 601 dollari di dividendi incassati, al netto delle ritenute fiscali (vedi grafico sopra).

Questo brillante risultato è arrivato dopo l'inserimento del nuovo parametro di selezione, attivato dallo scorso anno, che richiede almeno 25 anni consecutivi di aumenti dei dividendi per l'appartenenza al portafoglio, e conferma il trend di performance superiori per questa tipologia di società negli ultimi decenni. Attualmente, su 5752 società quotate sul mercato Usa, solamente 141 aziende, pari al 2,4% del totale, superano questo primato di eccellenza, con una media di ben 40 anni di aumenti dei dividendi, e una crescita media di oltre il 5% annuo della cedola distribuita. I dividendi sono denaro contante che le società distribuiscono ogni trimestre ai propri azionisti. Per mantenere trend di aumenti costanti, nonostante l'alternarsi dei diversi cicli economici, sono necessari bilanci solidi, supportati da business consolidati e lunghi track record di crescite di utili e ricavi. Senza questi requisiti fondamentali, risulta difficile per le società sostenere aumenti delle distribuzioni per periodi più prolungati, e di fatto la crescita del dividendo costituisce un indicatore di solidità finanziaria di una impresa. In particolare, nove aziende su dieci presenti nel portafoglio superano ampiamente questo requisito, con un track record medio di ben 51 anni di crescite dei dividendi. Solamente una azienda, inserita in portafoglio precedentemente alla nuova regola, non rispetta i parametri, in quanto da poco la società ha tagliato il dividendo trimestrale del 27%, portandolo a 0,25 dollari per azione. Trattandosi comunque di un dividendo elevato, attestato al 13% annuo sulle attuali quotazioni di borsa, manteniamo temporaneamente il titolo in portafoglio aspettando un momento favorevole per la vendita e sostituzione di questa posizione.

Entriamo ora nel dettaglio delle performance del trimestre. Il foglio Excel sotto evidenzia i risultati dei 10 titoli del portafoglio ordinati per guadagno totale (capital gain + dividendi incassati) dal 01/01/2021.

Portafoglio Top Dividend - Performance primo trimestre 2021

(per visualizzare tutti i nomi dei titoli PASSA AL LIVELLO 2)

2

Come si evidenzia, al primo posto troviamo Walgreens Boots Alliance, Inc, quotata sul Nasdaq con simbolo WBA, con un rialzo di +38,3%, pari ad un incremento di 2790,18 dollari per la nostra posizione, comprensivo di 54,10 dollari di dividendi incassati nel trimestre. Fondata nel 1901 ed oltre 400.000 dipendenti, questa multinazionale gestisce un network globale di oltre 20.000 farmacie nel mondo in 25 paesi, situate tra Stati Uniti, Irlanda, Norvegia, Svezia, Olanda, Regno Unito, Italia e in Cina, uno dei mercati più promettenti a livello globale, dove la società gestisce la più grande rete di farmacie, con circa 5.000 punti vendita. La divisione europea di questa azienda, con 350 centri di distribuzione in 19 paesi, è uno dei più grossi distributori farmaceutici e fornisce medicinali, altri prodotti sanitari e servizi a oltre 110.000 farmacie, medici, centri sanitari e ospedali. Il settore dei farmaci è uno dei business più difensivi, capace di generare ricavi anche durante le fasi di recessione o rallentamento economico. I consumatori difficilmente riducono l'utilizzo di farmaci nei momenti di crisi, destinando piuttosto ad altri comparti eventuali tagli o risparmi di spesa. Secondo un recente studio di Iqvia, il mercato mondiale dei farmaci è pari a 1,2 trilioni di dollari. Entro il 2023, si stima che questo valore possa superare 1,5 trilioni. Dal 30 giugno 1972 ad oggi il titolo ha messo a segno risultati record, con un rendimento complessivo pari a +35.825% (fonte Morningstar).

1

Nonostante i brillanti risultati ottenuti, il titolo quota attualmente ad un livello inferiore di oltre il 36% rispetto ai massimi toccati a luglio di sei anni fa, confermando la sottovalutazione di questa società. La società ha incrementato il suo dividendo ogni anno negli ultimi 45 anni. Il dividendo attuale è pari al 3,4% annuo, corrisposto in quattro rate trimestrali. Storicamente, il dividendo si è mosso da un minimo di 0,7% nei periodi di sopravvalutazione dei titolo ad un massimo di 2,8% nei periodi di maggiore sottovalutazione del titolo. Per ritornare in area di sottovalutazione, il titolo dovrebbe crescere di oltre il 100% dai valori attuali. Per questa ragione, riconfermiamo il rating BUY sulla società.

Su queste basi, proseguiamo con la nostra metodologia, basata sui dividendi e sui fondamentali, con una rigida selezione di un ristretto numero di società internazionali sottovalutate, caratterizzate da business consolidati e crescite pluriennali di utili e ricavi, potenzialmente capaci di generare rendite superiori nel lungo termine, con qualsiasi andamento di mercato. L'investimento in società a crescite dei dividendi è una maratona, che genera risultati superiori negli anni, sfruttando il potente effetto dell'interesse composto. Albert Einstein definiva l'interesse composto come l'ottava meraviglia del mondo, affermando: “Chi lo capisce guadagna, chi non lo capisce paga”. Con un rendimento del 15% anno, un capitale raddoppia ogni cinque anni e quadruplica ogni dieci anni, creando quello che molti definiscono come l'effetto palla di neve. Se prendiamo una piccola palla di neve (dividendi) e la facciamo rotolare giù da una montagna, questa accumulerà progressivamente altra neve diventando sempre più grande fino ad assumere dimensioni enormi (effetto composto).

Top Dividend è un potente e semplice strumento che permette di costruire una elevata rendita passiva, abbinata a potenziali capital gain nel medio lungo termine. Top Dividend è uno dei tre portafogli internazionali inclusi nel servizio online di Secondo Livello e viene elaborato utilizzando un sofisticato sistema di ricerca, in grado di identificare un ristretto gruppo di società, caratterizzate da dividendi periodici attestati ai massimi livelli e fondamentali a sconto rispetto al mercato, con una revisione mensile della composizione. In aggiunta al requisito di dividendo elevato, per appartenere al portafoglio Top Dividend, le società candidate per il portafoglio devono superare un ulteriore rigido parametro di selezione: avere mantenuto un track record di almeno 25 anni consecutivi di crescite dei dividendi, a garanzia della sicurezza e stabilità delle rendite distribuite dal modello. Questo ulteriore criterio conferma il profilo di elevata qualità delle aziende selezionate. Storicamente, le aziende con oltre 25 anni di aumenti dei dividendi, (dividend growth) hanno sistematicamente ottenuto performance superiori al mercato con una minore volatilità, e hanno dimostrato una maggiore capacità di attraversare indenni anche le fasi più difficili dei mercati, come recessioni economiche, crisi politiche, guerre locali e regionali, gravi attentati e shock petroliferi, che si sono alternate di frequente in questi ultimi decenni nel mondo.

L'importanza dei dividendi nel lungo termine e analisi storiche

La nostra strategia di selezione è indirizzata all'investimento in un paniere ristretto di società leader, caratterizzate da quotazioni a sconto e da lunghi track record di crescite dei dividendi, reinvestendo con costanza le cedole incassate e sfruttando il questo modo il potente effetto leva derivante dall'interesse composto. Secondo uno studio realizzato da Hartford Funds e Morningstar, che prende in considerazione 50 anni di borsa Usa (dal 1970 al 2019), un capitale di 10.000 dollari investito nel 1970 sui titoli a dividendo dell'indice S&P500, si è trasformato a fine 2019 in un importo pari a 1.626.370 dollari, considerando il reinvestimento dei dividendi, contro 350.144 dollari senza i dividendi, confermando come nel lungo termine gran parte della ricchezza accumulata sia stata generata proprio dai dividendi, spostando in secondo piano i soli capital gain.

3