martedì 18 gennaio 2022

Nuovo BUY - 19 anni consecutivi di aumenti dei dividendi e quotazioni a sconto per il leader mondiale nel settore della difesa


Approfittiamo dei ricchi dividendi incassati nelle prime due settimane di gennaio per reinvestire oggi parte della nuova liquidità disponibile nel portafoglio Top Analisti, in una società operante nel settore della difesa, selezionata tra le nostre cinque migliori aziende per il 2022. Questa azienda storica vanta un track record di ben 19 anni consecutivi di aumenti dei dividendi, ed offre elevati potenziali di crescita per i prossimi anni dalle attuali quotazioni di borsa. Il nuovo investimento di oggi dovrebbe generale da subito ulteriori 45 dollari annui di rendita aggiuntiva, contribuendo in questo modo all'aumento costante dei nostri flussi di reddito prodotti dal nostro portafoglio. Nella seconda parte, dedicata al portafoglio ETF Italia, acquistiamo oggi nuovo ETF globale a cedola trimestrale, che ci permette di investire con un unico strumento sulle 100 aziende mondiali leader per dividendo.

Le prime due settimane di gennaio hanno chiuso in rialzo per i nostri portafogli, che si sono mossi in controtendenza rispetto ai mercati. In particolare, il modello Top Analisti mostra un progresso di +1,34% da inizio anno, contro una perdita di -2,16% per l'indice S&P500 nello stesso periodo. Il dato positivo conferma ancora una volta le capacità difensive dei nostri modelli, che mostrano l'importanza dei fondamentali nella selezione dei titoli. Come abbiamo più volte evidenziato, nonostante le quotazioni elevate raggiunte dagli indici azionari negli ultimi mesi, esiste ancora un ristretto numero di società caratterizzate da quotazioni a sconto, dividendi elevati e forti prospettive di crescita per i prossimi anni, potenzialmente in grado di performare con qualsiasi andamento di mercato. Su queste basi, ben 11 società appartenenti al portafoglio Top Analisti hanno messo a segno guadagni superiori al 10% da inizio anno. Ai primo posto, con un progresso di +16,5% spicca Energy Transfer, quotato sul Nyse con simbolo ET, leader nel settore energetico, che sta beneficiando dei forti aumenti dei prezzi del gas. Fondata nel 2002 ed oltre 11.000 dipendenti, questa azienda possiede e gestisce circa 15.000 chilometri di gasdotti per il trasporto di gas naturale, tre impianti di stoccaggio di gas naturale in Texas, e circa 19.600 chilometri di metanodotti che collegano diversi stati. Possiede inoltre circa 7.600 chilometri di gasdotti NGL (gas naturale liquido), impianti di frazionamento e stoccaggio di NGL e propano, con una capacità di stoccaggio di circa 45 milioni di barili. Nonostante i forti progressi delle ultime settimane, il titolo offre ancora buoni potenziali di crescita. Attualmente, i 18 analisti internazionali che seguono la società assegnano un rating BUY (1,6) con un target medio pari a +48,9% dalle attuali quotazioni. In aggiunta, la società distribuisce un ricco dividendo pari al 6,4% annuo sulle attuali quotazioni di borsa, e quota con un price earning pari a sole 5,7 volte gli utili attesi per l'anno in corso. Al secondo posto, spicca Unum Corp, quotata sul Nyse con simbolo UNM, con un progresso di +14,4% da inizio anno, che porta il guadagno a +48,1% da maggio 2020, data del nostro primo inserimento in portafoglio. Fondata nel lontano 1848 ed oltre 10.000 dipendenti, questa società, tramite le sue controllate, fornisce soluzioni di protezione finanziaria e assicurativa negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Polonia e a livello internazionale. Opera attraverso i segmenti Unum US, Unum International, Colonial Life e Closed Block. La società offre una vasta gamma di prodotti assicurativi, tra cui piani per la previdenza integrativa individuali e collettivi, coperture per le disabilità e invalidità a breve e lungo termine, assicurazioni vita individuali e collettive, coperture integrative e volontarie per infortuni, malattie gravi e cure dentali. Alle attuali quotazioni, la società offre un dividendo pari al 4,2%, in rialzo da 12 anni consecutivi. Il rendimento sale al 6,3% sui nostri prezzi originali di carico (yield on cost). Nonostante i forti progressi, il titolo quota ancora a livelli interessanti, con un price earning pari a sole 4,5 volte gli utili previsti per l'anno in corso e mantiene intatte le prospettive di crescita per i prossimi anni. Venerdì scorso, il consiglio di amministrazione della società ha dichiarato un dividendo trimestrale di 0,30 dollari per azione sulle sue azioni ordinarie da pagare il 18 febbraio 2022, agli azionisti registrati al 28 gennaio 2022. Su queste basi riconfermiamo il rating BUY su questa società.

Vediamo ora nel dettaglio le variazioni da apportare ai nostri tre modelli di portafoglio, inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili sottoscrivibile con carta di credito o bonifico bancario online.

Portafoglio Top Analisti

Descrizione portafoglio Top Analisti: Questo particolare portafoglio è attualmente uno dei più replicati dai nostri abbonati, e racchiude  in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di alcuni tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da oltre 60 società internazionali quotate sul Nyse e sul Nasdaq, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 250 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Nel file PDF relativo al portafoglio, aggiornato ogni settimana e scaricabile ad inizio report, è indicata la percentuale investita su ogni titolo. In questo modo, ciascun abbonato può replicare il portafoglio con precisione, con importi superiori o inferiori a quelli indicati, semplicemente aumentando o diminuendo le singole quantità da acquistare per ogni titolo con la stessa proporzione suggerita nel modello.

Fondamentali portafoglio Top Analisti: Sulla base delle ultime chiusure di borsa, il portafoglio presenta un dividendo medio atteso pari al 3% annuo. Il price earning medio del portafoglio è pari a 17,6 volte gli utili attesi per il prossimo anno (Forward P/E). Il Pay Out medio è pari allo 0,5. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, preferiamo società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di ulteriori incrementi delle cedole anche per il futuro. Attualmente il portafoglio presenta una rischiosità inferiore al mercato, con un Beta pari a 0,9. Il Beta è una misura del rischio di una azione e misura la variazione attesa del rendimento del titolo per ogni variazione di un punto percentuale del rendimento di mercato. Una azione con un Beta superiore a 1 tende ad amplificare i movimenti di mercato (il titolo è più rischioso del mercato). Al contrario, una azione con Beta compreso tra 0 e 1 tende a muoversi nella stessa direzione del mercato (il titolo è meno rischioso del mercato).

Potenziale portafoglio Top Analisti a 6-12 mesi+13,9% (10,9% target medio analisti +3% dividendo medio) secondo le valutazioni medie di 11 analisti internazionali, con un rating medio dei titoli pari a BUY (2,1), in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell.

Movimenti di oggi per il portafoglio Top Analisti:

Vendite: PASSA AL LIVELLO 2

Nuovi acquisti: PASSA AL LIVELLO 2. Questo nuovo investimento di oggi dovrebbe generare da subito ulteriori 45 dollari annui di rendita aggiuntiva. Vediamo ora nel dettaglio l'analisi della nuova società che acquistiamo oggi per il portafoglio.

Nuovo BUY - 19 anni consecutivi di aumenti dei dividendi e quotazioni a sconto per il leader mondiale nel settore della difesa

Principali motivazioni di acquisto: a partire dallo scorso 27 dicembre questa azienda ha nuovamente incrementato il suo dividendo trimestrale, con un rialzo di +7,7% dal precedente di settembre 2021, portando a 19 anni consecutivi di aumenti. Il nuovo acquisto di oggi, beneficerà quindi del nuovo dividendo già a partire dalla prossima scadenza trimestrale, prevista per marzo 2022. Operando nel comparto strategico della difesa, questa società fa parte di un settore tradizionalmente più protetto dalle oscillazioni dell'andamento economico, in quanto i suoi ricavi sono in gran parte collegati a commesse governative. Lo scorso anno, il presidente Biden ha richiesto al congresso un aumento del 2% delle spese per la difesa degli Stati Uniti. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti rappresenta circa il 65% delle entrate della società. Le vendite internazionali rappresentano quasi il 25% delle entrate. Il restante 10% proviene da varie agenzie governative statunitensi. In questo contesto, gli analisti di Morningstar hanno dichiarato: "Consideriamo questa azienda di altissima qualità come l'appaltatore principale della difesa, data la sua alta esposizione nel programma areonautico e nel suo business missilistico". I governi dei principali paesi del mondo, sono poco propensi a tagliare le spese militari, favorendo in questo modo la stabilità dei ricavi per le aziende operanti nel settore. Considerata la complessità e delicatezza del business, gli attuali competitor operano in una sorta di oligopolio, rendendo molto difficile l'ingresso sul mercato di nuovi operatori. Alle attuali quotazioni questa società rappresenta una interessante e rara opportunità, che abbina dividendi elevati e forti potenziali di crescita per i prossimi anni. In aggiunta, sulla base delle nostre valutazioni il titolo offre uno sconto di oltre il 20% in borsa rispetto al valore intrinseco calcolato. Su queste basi, acquistiamo oggi il titolo, contribuendo ad aumentare da subito la rendita del nostro portafoglio Top Analisti.

Descrizione del business: Fondata nel 1912 ed oltre 110.000 dipendenti, questa società è un leader globale nel settore della difesa, sistemi di sicurezza e aerospaziali, e opera in tutto il mondo nella ricerca, progettazione, sviluppo, produzione, integrazione e supporto di sistemi tecnologici avanzati. Opera attraverso quattro segmenti: Aeronautica, Missili e Controllo del Fuoco, Sistemi Rotativi e di Missione e Sistemi Spaziali. Il segmento Aeronautica offre aerei da combattimento e mobilità aerea, veicoli aerei senza equipaggio e tecnologie correlate. Il segmento Missili e Controllo del Fuoco fornisce sistemi di difesa aerea e missilistica, missili tattici e sistemi di armi d'attacco di precisione aria-terra, logistica, sistemi antincendio, supporto alle operazioni di missione, preparazione, supporto ingegneristico e servizi di integrazione, veicoli terrestri con equipaggio e senza equipaggio e soluzioni di gestione dell'energia. Il segmento Sistemi Rotativi di Missione offre elicotteri militari e commerciali, sistemi di missione e combattimento navale e sottomarino, sistemi di missione e sensori per aeromobili rotanti e ad ala fissa; sistemi di difesa missilistica marittima e terrestre, sistemi radar, navi da combattimento, servizi di simulazione e formazione; e sistemi e tecnologie senza equipaggio. Supporta anche i clienti governativi nella sicurezza informatica e fornisce comunicazioni e capacità di comando e controllo attraverso soluzioni di missione per applicazioni di difesa. Il segmento Sistemi Spaziali offre satelliti, sistemi di trasporto spaziale, sistemi missilistici strategici, avanzati e difensivi, sistemi e servizi classificati a sostegno dei sistemi di sicurezza nazionali. Questo segmento fornisce inoltre servizi di rete e integra sistemi spaziali e terrestri per aiutare i propri clienti a raccogliere, analizzare e distribuire in modo sicuro i dati di intelligence critica.

Trend del dividendo: La società vanta un importante primato nei confronti dei suoi azionisti, con 19 anni consecutivi di aumento dei dividendi. Il dividendo attuale è pari al 3% annuo, con un Payout pari al 47%. Negli ultimi 10 anni il dividendo è cresciuto del 12,5% annuo composto. Ipotizzando un proseguimento del trend a questi ritmi, tra dieci anni il rendimento del dividendo sugli attuali prezzi di carico (yield on cost) potrebbe attestarsi al 10% annuo.

Trend storico degli utili e previsioni: Negli ultimi 5 anni la società ha incrementato gli utili con una crescita media del 15,8% annuo composto. Per i prossimi 5 anni gli analisti stimano una crescita annua composta degli utili pari al 4,8% annuo.

Multipli di borsa: Il price earning attuale del titolo è pari a 12,6 volte gli utili attesi per il 2022, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 17,5 volte, confermando una sottovalutazione del titolo. La capitalizzazione attuale è pari a 95 miliardi, con un rapporto prezzo/ricavi pari a 1,4 volte.

Performance in borsa: Dal 1995 ad oggi  il titolo ha messo a segno risultati record, con un rendimento complessivo pari a +2129%, pari al 12,3% annuo composto. Un importo di 10.000 dollari investiti nel 1995 sono diventati oggi ben 222.882 dollari, contro 129.892 dollari dell'indice S&P500. Nonostante le performance superiori di lungo termine, e gli aumenti a due cifre degli utili messi a segno dalla azienda negli ultimi anni, il titolo non ha partecipato alle recenti crescite della borsa Usa, e quota ora ad un livello inferiore del 13% rispetto ai massimi toccati nel 2019, creando una interessante finestra di ingresso per nuovi investimenti.

3

Giudizio degli analisti e valutazioni: Il giudizio medio dei 17 analisti e broker che seguono il titolo è pari a BUY (2,4), su una scala da 1 a 5 ( 1= Strong Buy, 2=Buy, 3=Hold, 4=Moderate Sell, 5=Sell), con un potenziale pari a +4,8% per i prossimi 6-12 mesi, a cui si aggiunge il dividendo pari a 3%, per un Total Return previsto di +7,8%. In aggiunta, nelle ultime settimane gli analisti di Morningstar hanno assegnato al titolo un rating elevato di quattro stelle, con un potenziale pari a +8,1% dal livello intrinseco calcolato.

4

fonte Yahoo Finance

Applichiamo ora una valutazione del titolo sulla base del Dividend Discount Model (DDM). Questo sistema è un metodo usato per la valutazione dei titoli a dividendo. Secondo questo metodo, il valore intrinseco di una società è pari alla somma di tutti i dividendi futuri previsti, attualizzati al valore di oggi, secondo un tasso corretto per il rischio, e tenendo conto del fattore tempo. Abbiamo considerato i seguenti parametri per il calcolo:

1) Dividendo attuale per azione: 11,2 dollari

2) Stima di crescita futura del dividendo: 7,5% annuo, valore conservativo, sulla base della crescita effettiva del 9,4% annuo, ottenuto dalla società negli ultimi 5 anni

4) Tasso di sconto applicato: 10% annuo

5

Applicati questi criteri, otteniamo un valore intrinseco del titolo ad oggi pari a 481,60 dollari. Sulla base delle ultime quotazioni di borsa pari a 372,6 dollari, il titolo presenta uno sconto pari al 22,63% rispetto al valore calcolato. Sulla base di queste considerazioni, aumentiamo oggi l'esposizione su questa società nel nostro portafoglio Top Analisti, confermando questo investimento come una delle posizioni chiave nel settore difesa.

martedì 11 gennaio 2022

Portafoglio Top Dividend - Dieci società con rating BUY e oltre 25 anni di crescite dei dividendi


Top Dividend - Dieci società leader ad elevato dividendo e rating BUY per il 2022. Questo particolare modello ci permette di incassare una solida rendita mensile crescente, investendo in un paniere composto da 10 società internazionali ad alto dividendo, con un rating BUY da parte degli analisti e una media di ben 43 anni consecutivi di aumenti delle distribuzioni. In aggiunta ai ricchi dividendi, queste aziende hanno messo a segno performance record in borsa negli ultimi decenni e offrono forti potenziali di crescita per il futuro. Alle attuali quotazioni, gli analisti che seguono i dieci titoli assegnano al portafoglio un potenziale medio di crescita pari a +9,6%, a cui si somma un dividendo medio del 4,7% annuo, per un total return previsto pari a +14,3% per i prossimi 12 mesi.

La prima settimana del nuovo anno ha fatto segnare nuovi massimi per i nostri portafogli. In particolare, ben 31 società appartenenti al nostro portafoglio Top Analisti hanno messo a segno rialzi settimanali superiori al 3%, nonostante una flessione del 2,5% dell'indice S&P500 nello stesso periodo, confermando le capacità dei portafogli di muoversi in netta controtendenza, grazie alle caratteristiche value e fondamentali a sconto delle società che abbiamo selezionato. Tra queste, spicca Unum Group (UNM), primaria compagnia assicurativa negli Stati Uniti ed Europa, con un guadagno settimanale di +13,5%, sulla scia del buon andamento del settore finanziario, che sta beneficiando dei recenti aumenti dell'inflazione. Il titolo è presente nel nostro portafoglio dal 2020, con un progresso di +47%. Nonostante il forte incremento, la società quota a sole 4,5 volte gli utili previsti per l'anno in corso, con un largo sconto rispetto al mercato. Su queste basi manteniamo il titolo in portafoglio con un rating BUY, come partecipazione chiave del portafoglio nel settore assicurativo.

Dopo l'aggiornamento di martedì scorso del portafoglio Top Analisti, il report di oggi è interamente dedicato al portafoglio Top Dividend, il nostro modello composto in maniera costante da dieci società internazionali leader per dividendo. Il nuovo portafoglio di oggi conferma rendimenti elevati, con un dividendo medio pari a 4,7% annuo, contro 1,3% dell'indice S&P500, con un massimo di 7,9% annuo per la società con il maggiore dividendo, ad un minimo di 2,4% annuo per la società con il minore dividendo. Questo portafoglio, si propone di generare una rendita crescente, investendo in un paniere di aziende caratterizzate da lunghi track record di aumenti dei dividendi, con un minimo di almeno 25 anni consecutivi di crescite. Su un totale di oltre 8.000 aziende quotate a Wall Street, solamente 130 società superano attualmente questo importante parametro di selezione. In sintesi, meno di 2 aziende su 100 sono state capaci di aumentare i dividendi ogni anno, indipendentemente dall'andamento dei cicli economici, numerose recessioni e fasi di debolezza. I dividendi sono denaro contante che le società distribuiscono ogni trimestre ai propri azionisti. Per mantenere trend di aumenti costanti, sono necessari bilanci solidi, supportati da business consolidati e lunghi track record di crescite di utili e ricavi. Senza questi requisiti fondamentali, risulta difficile per le società sostenere aumenti delle distribuzioni per periodi più prolungati, e di fatto la crescita del dividendo costituisce un indicatore di solidità finanziaria di una impresa. Di conseguenza, questa ristretta elite di titoli, ha premiato gli investitori con performance superiori e una volatilità più contenuta rispetto agli indici di borsa. All'interno di questo gruppo, Top Dividend seleziona solamente quelle società con i dividendi più elevati, con una revisione mensile della composizione. Attualmente, i dieci titoli del portafoglio, superano ampiamente il parametro di almeno 25 anni di aumenti dei dividendi, con una media di 43 anni consecutivi di incrementi.

Portafoglio Top Dividend - Performance ultimo mese

Dall'ultima rilevazione di dicembre 2021, il portafoglio ha messo a segno un progresso record. pari a +6,9%. In termini monetari, il portafoglio è passato da 83.786 dollari del 10 dicembre 2021, a 89.535 dollari di venerdì scorso, con un incremento di 5.789 dollari, di cui 251 dollari (netti da ritenute) derivanti da dividendi incassati. La migliore performance del mese spetta a PASSA AL LIVELLO 2, leader globale nel settore telecom e media, con un guadagno pari a +15,1%. Nonostante il progresso, il titolo offre ancora quotazioni a sconto, con un price earning pari a sole 7,9 volte gli utili e un potenziale medio pari a +16,8% da parte di 19 analisti internazionali. Performance mensili elevate anche per Walgreens Boot Alliance (WBA), con un guadagno di +9,4%, primaria catena Usa con oltre 10.000 farmacie sul territorio, e Coca Cola (KO), +7,7% nel mese, segnando il massimo delle ultime 52 settimane. Manteniamo le tre posizioni in portafoglio, con un rating e Buy per PASSA AL LIVELLO 2 e Coca Cola, e Hold per Walgreens.

Per visualizzare tutti i titoli PASSA AL LIVELLO 2

7

Su queste basi, proseguiamo con la nostra metodologia, basata sui dividendi e sui fondamentali, con una rigida selezione di un ristretto numero di società internazionali sottovalutate, caratterizzate da business consolidati e crescite pluriennali di utili e ricavi, potenzialmente capaci di generare rendite superiori nel lungo termine, con qualsiasi andamento di mercato. L'investimento in società a crescite dei dividendi è una maratona, che genera risultati superiori negli anni, sfruttando il potente effetto dell'interesse composto. Albert Einstein definiva l'interesse composto come l'ottava meraviglia del mondo, affermando: “Chi lo capisce guadagna, chi non lo capisce paga”. Con un rendimento del 15% anno, un capitale raddoppia ogni cinque anni e quadruplica ogni dieci anni, creando quello che molti definiscono come l'effetto palla di neve. Se prendiamo una piccola palla di neve (dividendi) e la facciamo rotolare giù da una montagna, questa accumulerà progressivamente altra neve diventando sempre più grande fino ad assumere dimensioni enormi (effetto composto).

Top Dividend è un potente e semplice strumento che permette di costruire una elevata rendita passiva, abbinata a potenziali capital gain nel medio lungo termine. Top Dividend è uno dei tre portafogli internazionali inclusi nel servizio online di Secondo Livello e viene elaborato utilizzando un sofisticato sistema di ricerca, in grado di identificare un ristretto gruppo di società, caratterizzate da dividendi periodici attestati ai massimi livelli e fondamentali a sconto rispetto al mercato, con una revisione mensile della composizione. In aggiunta al requisito di dividendo elevato, per appartenere al portafoglio Top Dividend, le società candidate per il portafoglio devono superare un ulteriore rigido parametro di selezione: avere mantenuto un track record di almeno 25 anni consecutivi di crescite dei dividendi, a garanzia della sicurezza e stabilità delle rendite distribuite dal modello. Questo ulteriore criterio conferma il profilo di elevata qualità delle aziende selezionate. Storicamente, le aziende con oltre 25 anni di aumenti dei dividendi, (dividend growth) hanno sistematicamente ottenuto performance superiori al mercato con una minore volatilità, e hanno dimostrato una maggiore capacità di attraversare indenni anche le fasi più difficili dei mercati, come recessioni economiche, crisi politiche, guerre locali e regionali, gravi attentati e shock petroliferi, che si sono alternate di frequente in questi ultimi decenni nel mondo.

L'importanza dei dividendi nel lungo termine e analisi storiche

La nostra strategia di selezione è indirizzata all'investimento in un paniere ristretto di società leader, caratterizzate da quotazioni a sconto e da lunghi track record di crescite dei dividendi, reinvestendo con costanza le cedole incassate e sfruttando il questo modo il potente effetto leva derivante dall'interesse composto. Secondo uno studio realizzato da Hartford Funds e Morningstar, che prende in considerazione 50 anni di borsa Usa (dal 1960 al 2020), un capitale di 10.000 dollari investito nel 1960 sui titoli a dividendo dell'indice S&P500, si è trasformato a fine 2020 in un importo pari a 3.845.730 dollari, considerando il reinvestimento dei dividendi, contro 627.161 dollari senza i dividendi, confermando come nel lungo termine gran parte della ricchezza accumulata sia stata generata proprio dai dividendi, spostando in secondo piano i soli capital gain.

7

Performance e dividendi dal 1871 ad oggi

Considerando l'intero periodo storico del mercato azionario Usa, e analizzando le performance secolari, notiamo che più si allunga l'orizzonte temporale e più i dividendi acquistano maggiore importanza nella determinazione della performance complessiva. Dal gennaio 1871 ad oggi la performance della borsa Usa è stata pari al 4,7% annuo composto senza considerare i dividendi e del 9,3% annuo composto calcolando il reinvestimento dei dividendi. Il potente effetto leva generato dell'interesse composto (effetto palla di neve) ha amplificato in maniera esponenziale i guadagni. Un solo dollaro investito sull'indice della borsa Usa nel 1871 è diventato oggi 1.051 dollari senza considerare i dividendi e ben 672.872 dollari reinvestendo i dividendi! (fonte dqydi.net)

4

Anche rettificando i dati per gli effetti dell'inflazione, i risultati storici restano elevati. Un dollaro investito sull'indice della borsa Usa nel 1871 vale oggi 46 dollari in termini reali senza considerare i dividendi e ben 30.053 dollari reinvestendo i dividendi, con un rendimento pari al 7% annuo composto al netto dell'inflazione!

5

In sintesi, i dividendi sono stati la maggiore componente per la performance complessiva dei mercati azionari nel lungo termine. Con una redditività elevata, e una media di oltre 40 cedole distribuite ogni anno ai partecipanti, Top Dividend si propone di ottenere un mix di dividendi e performance superiori nel corso di un intero ciclo di mercato. Vediamo ora nel dettaglio il nuovo portafoglio Top Dividend per il mese in corso.

Dividendo 4,7% - I dieci titoli del nuovo portafoglio Top Dividend

Per visualizzare tutti i titoli PASSA AL LIVELLO 2

2

Come si evidenzia, la tabella sopra contiene diversi indicatori fondamentali, per permettere ai nostri abbonati di effettuare ulteriori analisi e approfondimenti. Vediamo nel dettaglio i principali parametri fondamentali del portafoglio Top Dividend.

Dividendo %: La nuova selezione dei dieci titoli conferma rendimenti elevati, con un dividendo medio pari a 4,7% annuo, contro 1,3% dell'indice S&P500, con un massimo di 7,9% annuo per la società con il maggiore dividendo, ad un minimo di 2,4% annuo per la società con il minore dividendo.

Cap in mil $: Indica la capitalizzazione di borsa in milioni di dollari alle attuali quotazioni. Il valore attuale per le dieci società del portafoglio Top Dividend mostra un valore medio di 138 miliardi di dollari, con un massimo di 457 miliardi per la società con la maggiore capitalizzazione, ad un minimo di 5,5 miliardi per la società con la minore capitalizzazione.

Payout Ratio: Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, sono da preferire società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti ed inferiori a 1, a garanzia di stabilità delle cedole anche per il futuro. Il valore attuale per le dieci società del portafoglio Top Dividend mostra un Pay Out medio pari a 0,7.

Beta 60 mesi: Il Beta è il coefficiente che misura il comportamento di un singolo titolo rispetto al mercato. Un Beta maggiore di uno evidenzia oscillazioni di un titolo superiori al mercato, mentre un Beta inferiore ad uno mostra movimenti del titolo inferiori alle variazioni del mercato. Attualmente il Beta medio del portafoglio è pari a 0,9 con una rischiosità inferiore rispetto al mercato.

Fwd Price Earning: E' uno degli indicatori più usati nella valutazioni delle società. In questa colonna è riportato il Forward Price Earning, ovvero il rapporto tra prezzo di borsa e utili attesi per l'anno in corso. Attualmente il Price Earning medio delle dieci società del portafoglio è pari a 13,4 volte, contro 19,9 volte dell'indice S&P500.

Giudizio Analisti: Indica i giudizi medi dei broker e analisti internazionali che seguono attualmente le società. Il valore attuale per le dieci società del portafoglio Top Dividend mostra un giudizio medio pari a BUY (2), in una scala da 1 Strong Buy, a 5 Sell.

Numero Analisti: Indica il totale degli analisti che seguono le società. In media, le valutazioni riportate in tabella si basano su un totale di 10 analisti.

Target Analisti: indica il potenziale di crescita medio dai prezzi attuali di borsa calcolato dagli analisti per i prossimi 6-12 mesi. Attualmente l'obiettivo di guadagno medio del portafoglio Top Dividend è pari a +9,6%. Sommando i dividendi previsti, pari ad un ulteriore 4,7% annuo, il rendimento obiettivo totale sale a +14,3%. I target potenziali degli analisti sono pubblicati a scopo informativo e per un maggiore approfondimento da parte dei nostri lettori, ma non vengono considerati nella costruzione del portafoglio. La nostra selezione dei titoli si basa principalmente sul dividendo.

Movimenti per il portafoglio Top Dividend:

Vendite: PASSA AL LIVELLO 2.

Nuovi acquisti: PASSA AL LIVELLO 2 con un ricco dividendo pari al 4% sulle attuali quotazioni di borsa. Questo titolo presenta attualmente i target più elevati dagli analisti tra le dieci società del portafoglio Top Dividend e l'attuale debolezza in borsa costituisce una rara occasione di acquisto a prezzi scontati. Segue analisi dettagliata della società.

Dividendo 4% annuo e 50 anni consecutivi di aumenti - Un leader mondiale nel settore arredamento con elevati potenziali di crescita

Questa società sta beneficiando del boom del settore casa negli Stati Uniti e distribuisce attualmente un dividendo del 4% annuo, con un track record di ben 50 anni consecutivi di crescite. Solamente 34 società sulle oltre 5000 quotate a Wall Street vantano attualmente simili primati, inserendo questa azienda nella classifica delle aziende leader assolute per aumenti dei dividendi. Negli ultimi 5 anni il dividendo è cresciuto ad un tasso del 4,4% annuo composto. Il titolo fa parte da agosto 2021 del portafoglio Top Dividend, ed è già presente da tempo anche nel nostro portafoglio Top Analisti. Dalla data della nostra prima raccomandazione del 28 agosto 2012, questo investimento ha generato un guadagno per il nostro portafoglio pari a +76,3%, a cui si aggiungono tutti i dividendi incassati nel periodo. Nonostante il progresso, il titolo risulta in flessione del 24% dai massimi toccati a marzo 2021 e mantiene attualmente un giudizio positivo dagli analisti internazionali, con un target medio per i prossimi 12 mesi pari a +19,2% dai prezzi attuali di borsa.

martedì 4 gennaio 2022

Cinque società TOP ad elevato potenziale e dividendi in crescita per il 2022


Con i mercati ai massimi storici, quali sono le società che offrono ancora dividendi elevati abbinati a forti prospettive di crescita per il 2022? Nel report di oggi dedichiamo ampio spazio alle cinque aziende internazionali che presentano le migliori opportunità di investimento per i nostri portafogli nel nuovo anno secondo i grandi analisti internazionali.

Come di consueto iniziamo il primo report di gennaio con l'analisi dei dividendi incassati nel 2021 per il nostro portafoglio Top Analisti. Complessivamente, abbiamo ricevuto nel mese di dicembre un totale di 23 dividendi, per un totale di 3.201,42 dollari, al netto delle ritenute fiscali. I dividendi di dicembre portano a 271 dividendi, per un totale complessivo di  40.979,26 dollari netti percepiti nel corso del 2021, con oltre un accredito per ogni giorno lavorativo dell'anno. Ecco il dettaglio per mese:

gennaio 2021: 3.846,20 dollari
febbraio 2021: 2.999,57 dollari
marzo 2021: 3650,43 dollari
aprile 2021: 3027,15 dollari
maggio 2021: 3.150,21 dollari
giugno 2021: 3.210,10 dollari
luglio 2021: 2.900,32 dollari
agosto 2021: 3.697,53 dollari
settembre 2021: 4.502,91 dollari
ottobre 2021: 3.898,49 dollari
novembre 2021: 2.894,93 dollari
dicembre 2021: 3.201,42 dollari

2

Totale dividendi 2021: 40.979,26 dollari

media mensile: 3.414,93 dollari

"Lo sapete quale è la cosa che mi da più piacere? Vedere accreditati i miei dividendi!" John Davison Rockefeller (8 July 1839 – 23 May 1937)

Dal 2010 ad oggi, i dividendi incassati hanno contribuito per oltre  40% della performance complessiva del portafoglio, con un raddoppio della rendita rispetto ai valori iniziali. Grazie alle crescite costanti delle entrate, e al potente effetto leva generato dall'interesse composto, il rendimento attuale dei dividendi rapportato ai nostri prezzi di medi carico (yield on cost) ammonta oggi ad un significativo 8,4% annuo, rispetto al 3% annuo calcolato sugli attuali prezzi di borsa e all'1,3% annuo dell'indice S&P500. Complessivamente, il totale dei dividendi incassati negli ultimi 11 anni è stato quasi pari all'intero capitale originariamente investito. A questo dato si aggiungono tutte le forti plusvalenze realizzate nel periodo, pari a +395,6%. Un importo di soli 10.000 dollari investiti nel portafoglio Top Analisti il 01/01/2009, sono diventati oggi ben 49.560 dollari, con un valore quasi quintuplicato rispetto al valore iniziale. Più si allunga l'orizzonte temporale, maggiore è la leva sui risultati ottenuti. Prendiamo ad esempio un semplice investimento sull'indice S&P500 che raggruppa le 500 aziende maggiormente capitalizzate a Wall Street, (facilmente replicabile con un solo ETF low cost come iShares Core S&P 500 UCITS ETF, quotato a Milano con simbolo CSSPX.MI). Un investimento di 10.000 dollari effettuato sull'indice S&P500 nel 1982, produce oggi una rendita passiva pari a circa 12.500 dollari di soli dividendi! In pratica ogni anno si incassa un importo che supera ampiamente l'intero capitale originariamente investito, senza considerare la forte crescita di valore dell'investimento nel tempo, con un valore ad oggi di oltre 1.000.000 di dollari, per effetto dell'interesse composto e del costante reinvestimento dei dividendi nel lungo termine.

Dopo le crescite particolarmente elevate ottenute nel corso del 2021, le possibilità di ulteriori incrementi nel corso del nuovo anno appaiono più difficili. Il price earning medio dell'indice S&P500 è attestato ora a 30 volte gli utili correnti, contro una media storica secolare pari a 14,8 volte, con un minimo nel dicembre 1917 pari a sole 5,3 volte, ed un massimo di 123 volte nel maggio del 2009. Su queste basi, gli analisti si attendono un valore dell'indice a fine 2022 inferiore di circa 5,7% rispetto ai valori attuali. Fortunatamente, come abbiamo spesso segnalato nei report precedenti, non dobbiamo pensare al mercato come "mercato azionario", ma come un "mercato di azioni", nel senso che come in qualsiasi mercato esistono sempre singole società che offrono quotazioni a sconto e multipli di borsa più favorevoli, con dividendi in crescita e forti potenziali per il futuro, indipendentemente dall' andamento volatile delle borse. Consideriamo quindi di aumentare eventualmente l'esposizione su queste particolari società per continuare a generare rendite passive crescenti anche per i prossimi anni. In questo contesto, le cinque società per il 2022 che presentiamo oggi offrono un price earning di sole 13,6 volte, inferiore di oltre 50% rispetto al mercato, con un dividendo medio superiore al 5% annuo e un potenziale di crescita pari a +18% nei prossimi 12 mesi.

Vediamo ora nel dettaglio le variazioni da apportare ai nostri tre modelli di portafoglio, inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili sottoscrivibile con carta di credito o bonifico bancario online.

Portafoglio Top Analisti

Descrizione portafoglio Top Analisti: Questo particolare portafoglio è attualmente uno dei più replicati dai nostri abbonati, e racchiude  in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di alcuni tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da oltre 60 società internazionali quotate sul Nyse e sul Nasdaq, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 250 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Nel file PDF relativo al portafoglio, aggiornato ogni settimana e scaricabile ad inizio report, è indicata la percentuale investita su ogni titolo. In questo modo, ciascun abbonato può replicare il portafoglio con precisione, con importi superiori o inferiori a quelli indicati, semplicemente aumentando o diminuendo le singole quantità da acquistare per ogni titolo con la stessa proporzione suggerita nel modello.

Fondamentali portafoglio Top Analisti: Sulla base delle ultime chiusure di borsa, il portafoglio presenta un dividendo medio atteso pari al 3% annuo. Il price earning medio del portafoglio è pari a 17,2 volte gli utili attesi per il prossimo anno (Forward P/E). Il Pay Out medio è pari allo 0,5. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, preferiamo società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di ulteriori incrementi delle cedole anche per il futuro. Attualmente il portafoglio presenta una rischiosità inferiore al mercato, con un Beta pari a 0,9. Il Beta è una misura del rischio di una azione e misura la variazione attesa del rendimento del titolo per ogni variazione di un punto percentuale del rendimento di mercato. Una azione con un Beta superiore a 1 tende ad amplificare i movimenti di mercato (il titolo è più rischioso del mercato). Al contrario, una azione con Beta compreso tra 0 e 1 tende a muoversi nella stessa direzione del mercato (il titolo è meno rischioso del mercato).

Potenziale portafoglio Top Analisti a 6-12 mesi+16,7% (13,5% target medio analisti +3% dividendo medio) secondo le valutazioni medie di 11 analisti internazionali, con un rating medio dei titoli pari a BUY (2), in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell.

Cinque società TOP ad elevato potenziale e dividendi in crescita per il 2022

Parametro 1 - Capitalizzazione di borsa superiore a 5 miliardi di dollari - Con questo parametro intendiamo selezionare aziende di grandi dimensioni e scambi giornalieri elevati.

Parametro 2  - Dividendo attuale superiore al dividendo medio dell'indice S&P500. Con questo parametro abbiamo voluto selezionare solo i titoli con rendimento cedolare superiore alla media di mercato.

Parametro 3 Crescita o stabilità del dividendo negli ultimi anni indipendentemente dall'andamento del ciclo economico.

Parametro 4 - Rating BUY e/o presenza nei portafogli dei grandi analisti e investitori internazionali.

Parametro 5 - Payout sostenibile. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, sono da preferire società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di stabilità delle cedole anche per il futuro.

Dopo l'applicazione di questi parametri, abbiamo ottenuto la nostra lista delle dieci società leader per il nuovo anno. Vediamo ora nel dettaglio la nuova BUY list per il 2021, con le percentuali di portafoglio suggerite per ciascun titolo, ordinate in modo decrescente per potenziale di crescita.

Cinque società TOP a dividendo per il 2022

Per visualizzare la lista completa PASSA AL LIVELLO 2

4

Come si evidenzia dalla tabella, la lista appare diversificata per comparti, privilegiando quei settori che offrono i maggiori potenziali di crescita. In particolare, tra quelle selezionate, una società appartiene al settore petrolifero, uno dei comparti più caldi degli ultimi mesi, a causa della ripresa dell'inflazione e conseguenti aumenti dei prezzi di trasporti ed energia, una società opera come fondo immobiliare nel settore delle strutture sanitarie per anziani, una società è un leader a forte sconto nel settore farmaceutico, comparto che risulta ancora sottovalutato, una società è uno dei leader mondiali nel settore strategico della difesa, e una società opera nel comparto alimentare e prodotti di largo consumo. Complessivamente, i cinque titoli offrono un dividendo medio del 5,3% con un target medio pari a +18,4% per i prossimi 12 mesi, per un Total Return atteso pari a +23,7%. Vediamo nel dettaglio la selezione completa.

1) PASSA AL LIVELLO 2 - Dividendo 9,1% annuo - Target medio +26% su 10 analisti monitorati. Il progressivo invecchiamento della popolazione negli Stati Uniti, con un numero crescente di ultrasessantacinquenni, dovrebbe favorire nei prossimi anni il maggiore utilizzo di strutture specializzate operanti nel settore della salute. Il management della società stima che entro il 2040, la popolazione di oltre 65 anni negli Stati Uniti crescerà fino a 80,8 milioni di persone, rispetto ai 56,1 milioni del 2020. Fondata nel 1992, questa società opera come fondo immobiliare specializzato nel settore chiave della salute, con 949 immobili di proprietà in 42 stati Usa e Regno Unito, affittati a 65 diversi operatori specializzati, per un totale di 96.587 posti letto, e un valore commerciale complessivo di 10,1 miliardi di dollari.  Si tratta in prevalenza di cliniche, centri di cura specializzati, centri di riabilitazione post ospedaliera e case di riposo per anziani, settori in forte espansione negli Stati Uniti, grazie anche ai fattori demografici. La rendita delle locazioni viene distribuita agli azionisti con un dividendo elevato con cadenza trimestrale. La società vanta un importante primato nei confronti dei suoi azionisti, con 18 anni consecutivi di aumento dei dividendi. Il dividendo attuale è pari al 9,1% annuo, con un Payout pari al 82% degli utili attesi. Questa società quota attualmente a livelli scontati. Dai massimi di dicembre 2019 il titolo evidenzia una flessione del 32%, creando una interessante opportunità ad elevato dividendo per nuovi acquisti a prezzi scontati.

2) PASSA AL LIVELLO 2 - Dividendo 6,8% annuo - Target medio +19,4% su 8 analisti monitorati. Fondata nel 1949 ed oltre 12.000 dipendenti, questa società opera nel comparto delle infrastrutture energetiche in Canada e negli Stati Uniti ed è una delle più grandi aziende del settore in Nord America. La società gestisce il sistema di trasporto del greggio e dei gas liquidi più lungo del mondo ed opera in cinque segmenti: Oleodotti, Trasmissione Gas, Distribuzione gas, Energie pulite e Servizi energetici. La società ha annunciato recentemente un aumento del dividendo di +2,99% con distribuzione trimestrale e 26 anni consecutivi di crescite. Il prossimo dividendo sarà corrisposto il 01/03/2022 agli azionisti registrati entro il 14/02/2022. Il dividendo attuale è pari al 6,8% annuo , contro un minimo di 2,3% nei momenti di maggiore sopravvalutazione del titolo e un massimo di 4,6% nei momenti di maggiore sottovalutazione del titolo. Il dividendo attuale, indica una valutazione a forte sconto del titolo in borsa. Per raggiungere il livello di sopravvalutazione il titolo dovrebbe più che raddoppiare di valore dai livelli attuali.

3) PASSA AL LIVELLO 2 - Dividendo 3,6% annuo - Target medio +18,6% su 17 analisti monitorati. Fondata nel 1891 ed oltre 71.000 dipendenti, questa società opera in oltre 66 paesi del mondo, attraverso due segmenti, farmaceutico e salute degli animali. Il segmento farmaceutico offre prodotti farmaceutici per la salute umana nei settori dell'oncologia, dell'assistenza acuta ospedaliera, dell'immunologia, delle neuroscienze, della virologia, cardiovascolare, del diabete, della salute delle donne, e dei prodotti vaccinali. Il segmento salute animale scopre, sviluppa, produce e commercializza una gamma di prodotti farmaceutici veterinari, vaccini e servizi di gestione sanitaria, nonché una gamma di prodotti di identificazione, tracciabilità e monitoraggio tramite connessioni digitali. Recentemente la società ha lanciato un nuovo farmaco per il trattamento orale della infezioni da Covid 19. E' attualmente una delle società farmaceutiche più a sconto, con un price earning pari a sole 10 volte gli utili attesi per l'anno in corso. La società vanta un importante primato nei confronti dei suoi azionisti, con 11 anni consecutivi di aumenti dei dividendi. Negli ultimi 3 anni il dividendo è cresciuto del 9,4% annuo composto.

martedì 28 dicembre 2021

Dividendo quadruplicato in dieci anni e forti potenziali di crescita per un leader mondiale nel settore alimentare


L'ultima edizione del 2021 chiude uno degli anni di maggiore successo per i nostri portafogli, con performance record a due cifre per tutti i quattro modelli, abbinate a forti aumenti delle rendite da dividendi. Al primo posto, (risultati calcolati in euro compresi i dividendi incassati), troviamo il portafoglio di Trading Avanzato, composto costantemente da soli sei titoli, incluso nell'abbonamento di Terzo Livello, con un guadagno da inizio anno di +56,3%, seguito dai tre portafogli inclusi nell'abbonamento di Secondo Livello: Top Dividend, con un guadagno di +26%, e Top Analisti, con un guadagno di +25,8%. Positivi anche i risultati del portafoglio bilanciato ETF Italia, con un guadagno da inizio anno pari a +18,8%. Con l'augurio che il nuovo anno confermi il trend di crescita, cogliamo l'occasione per congratularci con i nostri lettori che ci seguono da più tempo e possono condividere oggi con noi i risultati conseguiti. Anche se siamo certamente soddisfatti, continuiamo a mantenere una visione di lungo termine, focalizzata principalmente verso una crescita costante dei dividendi, con l'obiettivo di generare una rendita passiva in aumento anno dopo anno a livelli superiori ai tassi di inflazione. Mentre i capital gain sono una componente variabile e soggetta all'andamento dei mercati nel breve termine, i dividendi sono denaro contante che entra tutti i mesi sul nostro conto corrente, indipendentemente dall'andamento volatile degli indici di borsa. Su queste basi, proseguiamo con la nostra metodologia, basata sui dividendi e sui fondamentali, con una rigida selezione di un ristretto numero di società internazionali sottovalutate, caratterizzate da business consolidati e crescite pluriennali di utili e ricavi, potenzialmente capaci di generare rendite superiori nel lungo termine, con qualsiasi andamento di mercato. L'investimento in società a crescite dei dividendi è una maratona, che genera risultati superiori negli anni, sfruttando il potente effetto dell'interesse composto. Albert Einstein definiva l'interesse composto come l'ottava meraviglia del mondo, affermando: “Chi lo capisce guadagna, chi non lo capisce paga”. Con un rendimento del 15% anno, un capitale raddoppia ogni cinque anni e quadruplica ogni dieci anni, creando quello che molti definiscono come l'effetto palla di neve. Se prendiamo una piccola palla di neve (dividendi) e la facciamo rotolare giù da una montagna, questa accumulerà progressivamente altra neve diventando sempre più grande fino ad assumere dimensioni enormi (effetto composto).

8

Su queste basi, nel report di oggi analizziamo nel dettaglio una nuova società internazionale, leader mondiale nel settore strategico dei dolcificanti alimentari, e un particolare ETF a distribuzione trimestrale, che investe in un paniere di 100 società con un track record di almeno 20 anni consecutivi di crescite dei dividendi. I due nuovi investimenti contribuiranno a mantenere elevati i flussi di rendita dei nostri portafogli, in aggiunta a prospettive di crescita superiori per il prossimo anno.

Vediamo ora nel dettaglio le variazioni da apportare ai nostri tre modelli di portafoglio, inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili sottoscrivibile con carta di credito o bonifico bancario online.

Portafoglio Top Analisti

Descrizione portafoglio Top Analisti: Questo particolare portafoglio è attualmente uno dei più replicati dai nostri abbonati, e racchiude  in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di alcuni tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da oltre 60 società internazionali quotate sul Nyse e sul Nasdaq, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 250 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Nel file PDF relativo al portafoglio, aggiornato ogni settimana e scaricabile ad inizio report, è indicata la percentuale investita su ogni titolo. In questo modo, ciascun abbonato può replicare il portafoglio con precisione, con importi superiori o inferiori a quelli indicati, semplicemente aumentando o diminuendo le singole quantità da acquistare per ogni titolo con la stessa proporzione suggerita nel modello.

Fondamentali portafoglio Top Analisti: Sulla base delle ultime chiusure di borsa, il portafoglio presenta un dividendo medio atteso pari al 3,1% annuo. Il price earning medio del portafoglio è pari a 17,2 volte gli utili attesi per il prossimo anno (Forward P/E). Il Pay Out medio è pari allo 0,5. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, preferiamo società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di ulteriori incrementi delle cedole anche per il futuro. Attualmente il portafoglio presenta una rischiosità inferiore al mercato, con un Beta pari a 0,9. Il Beta è una misura del rischio di una azione e misura la variazione attesa del rendimento del titolo per ogni variazione di un punto percentuale del rendimento di mercato. Una azione con un Beta superiore a 1 tende ad amplificare i movimenti di mercato (il titolo è più rischioso del mercato). Al contrario, una azione con Beta compreso tra 0 e 1 tende a muoversi nella stessa direzione del mercato (il titolo è meno rischioso del mercato).

Potenziale portafoglio Top Analisti a 6-12 mesi+18,5% (15,4% target medio analisti +3,1% dividendo medio) secondo le valutazioni medie di 11 analisti internazionali, con un rating medio dei titoli pari a BUY (2), in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell.

Movimenti di oggi per il portafoglio Top Analisti:

Vendite: PASSA AL LIVELLO 2.

Nuovi acquisti: PASSA AL LIVELLO 2. Segue analisi dettagliata del titolo.

Dividendo quadruplicato in dieci anni e forti potenziali di crescita per un leader mondiale nel settore alimentare

Principali motivazioni di acquisto: Questa società sta cavalcando il trend globale verso una alimentazione più sana, con una tendenza consolidata per una riduzione di zuccheri nei cibi e bevande da parte dei consumatori. La forte crescita della domanda di dolcificanti nel settore alimentare, ha prodotto aumenti record dei dividendi per questa azienda, con 11 anni consecutivi di incrementi, e un tasso di crescita pari al 16% annuo composto dal 2011 ad oggi. Nonostante i risultati conseguiti, questa azienda presenta ancora quotazioni a sconto, ed offre forti potenziali di apprezzamento dagli attuali valori di borsa, con i maggiori analisti che assegnano al titolo obiettivi di incremento futuro superiori al 25% rispetto al valore intrinseco calcolato.

Descrizione del business: Fondata nel 1906 ed oltre 12.000 dipendenti, questa società tramite le sue controllate, produce e vende in tutto il mondo amidi e dolcificanti per diversi settori. Opera attraverso diversi segmenti: Nord America, Sud America, Asia Pacifico, Europa, Medio Oriente e Africa. L'azienda offre prodotti dolcificanti che comprendono sciroppi di glucosio, sciroppi ad alto contenuto di maltosio, sciroppi di mais ad alto contenuto di fruttosio, coloranti caramello, destrosio, polioli, maltodestrine, glucosio, amidi industriali e alimentari, biomateriali e ingredienti nutrizionali, olio di mais commestibile, olio di mais raffinato per produttori di olio da cucina e margarina, condimenti per insalata, maionese e altri alimenti. Fornisce inoltre prodotti per l'alimentazione animale e glutine di mais utilizzato come mangime proteico per polli, alimenti per animali domestici e acquacoltura. I prodotti dell'azienda derivano principalmente dalla lavorazione del mais e di altri materiali a base di amido, come tapioca, patate e riso. L'azienda serve i maggiori produttori di alimenti e bevande, l'industrie della carta e ondulati, birra, farmaceutica, tessile e cura della persona, nonché i mercati dei mangimi per animali.

Trend storico degli utili e previsioni: Negli ultimi 5 anni la società ha incrementato gli utili ad un tasso del 3,7% annuo. Per i prossimi 5 anni gli analisti confermano il trend e stimano una crescita annua degli utili superiore, e pari al 10,8% annuo.

Trend del dividendo: La società distribuisce un dividendo del 2,7% annuo, ed ha incrementato la cedola per 11 anni consecutivi. Il payout risulta sostenibile, e pari al 37%. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, sono da preferire società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di ulteriori incrementi delle cedole anche per il futuro.

Multipli di borsa: Il price earning attuale del titolo è pari a 13 volte gli utili attesi per il 2022, attestandosi tra i livelli più bassi del portafoglio Top Analisti. La capitalizzazione attuale è pari a 6,4 miliardi, con un rapporto prezzo/ricavi pari a sole 0,9 volte.

Performance in borsa: Dal 31 dicembre 1997 ad oggi il titolo ha messo a segno risultati record, con un rendimento complessivo pari a +536% (fonte Morningstar). Nonostante i brillanti risultati ottenuti, il titolo quota attualmente ad un livello inferiore del 34% rispetto ai massimi toccati a fine gennaio 2018, creando una interessante opportunità di ingresso a prezzi scontati.

Giudizio degli analisti e valutazioni: Il giudizio medio dei principali 5 analisti e broker che seguono il titolo è pari a "BUY" (2,3), con un target medio pari a +14,8% per i prossimi 12 mesi, a cui si aggiunge il dividendo previsto del 2,7%, per un Total Return pari a +17,5%. In aggiunta, gli analisti di Morningstar assegnano attualmente al titolo un rating elevato di quattro stelle, con un potenziale pari a +27% rispetto al valore intrinseco calcolato.

3

Applichiamo ora una valutazione del titolo sulla base del Dividend Discount Model (DDM). Questo sistema è un metodo usato per la valutazione dei titoli a dividendo. Secondo questo metodo, il valore intrinseco di una società è pari alla somma di tutti i dividendi futuri previsti, attualizzati al valore di oggi, secondo un tasso corretto per il rischio, e tenendo conto del fattore tempo. Abbiamo considerato i seguenti parametri per il calcolo:

1) Dividendo attuale per azione: 2,60 dollari

2) Stima di crescita futura del dividendo: 7% annuo, valore conservativo, sulla base della crescita effettiva del 16% annuo, ottenuto dalla società negli ultimi 10 anni

4) Tasso di sconto applicato: 9% annuo

2

Applicati questi criteri, otteniamo un valore intrinseco del titolo ad oggi pari a 139,1 dollari. Sulla base delle ultime quotazioni di borsa pari a 86,10 dollari, il titolo presenta uno sconto pari al 31,84% rispetto al valore calcolato. Sulla base di queste considerazioni, questa società risulta interessante per aprire una nuova posizione sul titolo o per effettuare ulteriori investimenti mediando i prezzi, in un'ottica di accumulo per il nostro portafoglio Top Analisti.

martedì 21 dicembre 2021

Nuovo BUY - Target superiori al 50% e dividendi in crescita per uno dei leader mondiali dei farmaci generici


Approfittiamo della nuova liquidità presente nel nostro portafoglio, derivante dagli ultimi dividendi incassati, per investire oggi su una società leader nel settore dei farmaci generici, che presenta quotazioni fortemente scontate, abbinate ad elevati dividendi e forti potenziali di crescita per il futuro. Questo nuovo investimento dovrebbe generare da subito ulteriori 66 dollari di rendita aggiuntiva per il nostro portafoglio.

Il 2021 è stato uno degli anni di maggiore successo per i nostri portafogli, con performance record e forti aumenti delle rendite da dividendi. Prosegue in queste ultime sedute del 2021 il trend di crescita dei dividendi per i nostri portafogli. Recentemente, ben sette società appartenenti ai nostri modelli hanno comunicato nuovi aumenti dei dividendi, che saranno corrisposti nelle prossime settimane, contribuendo in questo modo al costante incremento delle rendite passive, in atto già da diversi anni. In particolare:

Realty Income (NYSE:O) - La società ha annunciato un aumento del dividendo di un altro +0,2%, con distribuzione mensile. Questo segna il 114° aumento del dividendo dal 1994, con 28 anni consecutivi di crescite. Nel 2021 la società ha annunciato cinque aumenti dei dividendi per un totale di +5,1%. Il dividendo sarà corrisposto il 14/01/2022 agli azionisti registrati entro il 30/12/2021.

5

ABM Industries (NYSE:ABM) - La società ha annunciato un aumento del dividendo di +2,63% con con distribuzione trimestrale e ben 54 anni consecutivi di crescite. Il dividendo sarà corrisposto il 07/02/2022 agli azionisti registrati entro il 05/01/2022.

Abbott Laboratories (NYSE:ABT) - La società ha annunciato un aumento del dividendo di +4,44% con con distribuzione trimestrale e ben 50 anni consecutivi di crescite. Il dividendo sarà corrisposto il 15/02/2022 agli azionisti registrati entro il 13/01/2022.

AbbVie Inc. (NYSE:ABBV) - La società ha annunciato un aumento del dividendo di +8,46% con con distribuzione trimestrale e ben 50 anni consecutivi di crescite. Il dividendo sarà corrisposto il 15/02/2022 agli azionisti registrati entro il 13/01/2022.

CVS Health Corp. (NYSE:CVS) - La società ha annunciato un aumento del dividendo di +10% con con distribuzione trimestrale. Il dividendo sarà corrisposto il 01/02/2022 agli azionisti registrati entro il 20/01/2022.

Pfizer Inc. (NYSE:PFE) - La società ha annunciato un aumento del dividendo di +2,56% con con distribuzione trimestrale e 11 anni consecutivi di crescite. Il dividendo sarà corrisposto il 04/03/2022 agli azionisti registrati entro il 27/01/2022.

Enbridge Inc. (NYSE:PFE) - La società ha annunciato un aumento del dividendo di +2,99% con con distribuzione trimestrale e 26 anni consecutivi di crescite. Il dividendo sarà corrisposto il 01/03/2022 agli azionisti registrati entro il 14/02/2022.

8

Sommando anche questi ultimi aumenti a quelli già ottenuti nel corso del 2021, la rendita annua del nostro portafoglio Top Analisti aumenterà complessivamente di altri 5.480 dollari, con una crescita significativa pari a +7,9% rispetto all'anno precedente, battendo le nostre stime e superando ampiamente il tasso di inflazione tendenziale. Il nuovo investimento che effettueremo oggi dovrebbe contribuire a generare ulteriori e stabili entrate da dividendi per il portafoglio, indipendentemente dall'andamento volatile di breve termine dei mercati azionari.

Vediamo ora nel dettaglio le variazioni da apportare ai nostri tre modelli di portafoglio, inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili sottoscrivibile con carta di credito o bonifico bancario online.

Portafoglio Top Analisti

Descrizione portafoglio Top Analisti: Questo particolare portafoglio è attualmente uno dei più replicati dai nostri abbonati, e racchiude  in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di alcuni tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da oltre 60 società internazionali quotate sul Nyse e sul Nasdaq, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 250 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Nel file PDF relativo al portafoglio, aggiornato ogni settimana e scaricabile ad inizio report, è indicata la percentuale investita su ogni titolo. In questo modo, ciascun abbonato può replicare il portafoglio con precisione, con importi superiori o inferiori a quelli indicati, semplicemente aumentando o diminuendo le singole quantità da acquistare per ogni titolo con la stessa proporzione suggerita nel modello.

Fondamentali portafoglio Top Analisti: Sulla base delle ultime chiusure di borsa, il portafoglio presenta un dividendo medio atteso pari al 3,1% annuo. Il price earning medio del portafoglio è pari a 17,0 volte gli utili attesi per il prossimo anno (Forward P/E). Il Pay Out medio è pari allo 0,5. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, preferiamo società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di ulteriori incrementi delle cedole anche per il futuro. Attualmente il portafoglio presenta una rischiosità inferiore al mercato, con un Beta pari a 0,9. Il Beta è una misura del rischio di una azione e misura la variazione attesa del rendimento del titolo per ogni variazione di un punto percentuale del rendimento di mercato. Una azione con un Beta superiore a 1 tende ad amplificare i movimenti di mercato (il titolo è più rischioso del mercato). Al contrario, una azione con Beta compreso tra 0 e 1 tende a muoversi nella stessa direzione del mercato (il titolo è meno rischioso del mercato).

Potenziale portafoglio Top Analisti a 6-12 mesi+20,2% (17,1% target medio analisti +3,1% dividendo medio) secondo le valutazioni medie di 11 analisti internazionali, con un rating medio dei titoli pari a BUY (2), in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell.

Movimenti di oggi per il portafoglio Top Analisti:

Vendite: PASSA AL LIVELLO 2

Nuovi acquisti: utilizziamo parte della liquidità disponibile derivante dagli ultimi dividendi incassati e acquistiamo PASSA AL LIVELLO 2. Questo nuovo investimento dovrebbe generare ulteriori 66 dollari annui di rendita aggiuntiva per il nostro portafoglio. Segue analisi dettagliata del titolo.

Nuovo BUY - Target superiori al 50% e dividendi in crescita per uno dei leader mondiali dei farmaci generici

Principali motivazioni di acquisto: Il progressivo invecchiamento della popolazione sta portando ad un maggiore utilizzo di farmaci, indipendentemente dagli andamenti altalenanti dei cicli economici. In particolare, il costo più accessibile dei farmaci generici rispetto a quelli dei grandi brand, sta aprendo le porte ad uno dei business più promettenti su cui puntare. Le ultime stime di crescita del settore dei farmaci generici e biosimilari parlano chiaro: da un mercato di circa 250 miliardi di dollari del 2015, siamo passati ai 300 miliardi di dollari attuali, che dovrebbero aumentare ulteriormente di +130% nei prossimi 6 anni, per raggiungere quota 692 miliardi nel 2027, con una crescita del 12% annuo, contro aumenti più moderati, dal 3% al 6% annuo, per il mercato farmaceutico globale. In sintesi, i generici rappresentano uno dei settori con le crescite previste più elevate nei prossimi anni.

3

fonte - Company Investor Day Presentation

La nuova società a dividendo che andremo ad acquistare oggi per il nostro portafoglio è uno dei maggiori operatori nei farmaci generici a livello globale ed è posizionato per beneficiare direttamente delle forti crescite del settore. Alle attuali quotazioni il titolo è uno dei più scontati a Wall Street, con un price earning pari a sole 3,5 volte gli utili attesi per l'anno in corso, quasi un terzo rispetto ai diretti competitors e meno di un quarto rispetto all'indice S&P500. Un rapporto così basso, porta l'earning yield, ovvero il rendimento implicito del titolo, al 28% annuo sui prezzi di borsa (100 / 3,4 = 29,4). In altre parole, ipotizzando utili costanti, l'investimento dovrebbe essere già completamente ammortizzato in soli 3,4 anni. In realtà, l'azienda prevede utili in ulteriore crescita nei prossimi anni, per cui i potenziali di profitto potrebbero essere ancora maggiori. In aggiunta, dallo scorso mese di giugno, la società ha annunciato la prima distribuzione del dividendo trimestrale, con un interessante 3,4% iniziale sulle attuali quotazioni di borsa. Su queste basi, il titolo offre forti prospettive di crescita per i prossimi anni e ottiene un deciso rating BUY come partecipazione chiave per il nostro portafoglio Top Analisti.

Descrizione del business: Fondata nel 1961 ed oltre 40.000 dipendenti, questa società produce, commercializza e distribuisce farmaci generici e di marca, generici complessi, biosimilari e principi attivi farmaceutici in oltre 160 paesi del mondo. L'azienda opera in tutti i principali mercati mondiali, in Cina, e nei grandi paesi emergenti. Il 33% dei ricavi deriva dall'Europa, il 27% dal Nord America, il 19% dai paesi emergenti, 11% da Giappone, Australia e Nuova Zelanda e 10% dalla Cina. L'azienda vanta uno dei portafogli prodotti più ampio del settore con oltre 1400 molecole approvate, ed offre farmaci in varie aree terapeutiche, comprese le malattie infettive e le malattie non trasmissibili, HIV, oncologia, immunologia, endocrinologia, oftalmologia e dermatologia, antibatterici, agenti del sistema nervoso centrale, antistaminici, antiasmatici, cardiovascolari, antivirali, antidiabetici, antimicotici e inibitori della pompa protonica. L'azienda fornisce i farmaci, a farmacie, grossisti e distributori, governi, istituzioni e servizi di supporto, come cliniche diagnostiche, seminari educativi e strumenti digitali per aiutare i pazienti a gestire meglio la loro salute. Distribuisce i suoi prodotti attraverso grossisti e distributori farmaceutici, farmacie tradizionali, farmacie per corrispondenza, e-commerce e farmacie specializzate.

Trend del dividendo: Lo scorso mese di giugno, la società ha iniziato con la prima distribuzione di un dividendo trimestrale, che ammonta al 3,4% annuo sulle attuali quotazioni di borsa. Secondo le ultime dichiarazioni del management, l'azienda è determinata ad attuare una politica di aumenti dei dividendi per il futuro, di pari passo ad una volontà di una rapida riduzione del debito.

Trend storico degli utili e previsioni: Negli ultimi 5 anni la società ha incrementato gli utili di +1,5% annuo. Per i prossimi 3 anni gli analisti che seguono la società prevedono crescite superiori, con un aumento degli utili di +55% annuo.
 
Multipli di borsa: Il price earning attuale del titolo è pari a sole 3,4 volte gli utili attesi per il 2022. La capitalizzazione attuale è pari a 15 miliardi, con un rapporto prezzo/ricavi pari a 0,8 volte (contro circa 3 volte dei maggiori concorrenti).

Performance in borsa: Dal 1984 ad oggi  il titolo ha messo a segno crescite significative in borsa, con un guadagno complessivo pari a +802% (fonte Yahoo Finance). Nonostante i buoni risultati ottenuti, il titolo quota ora ad un livello inferiore del 30% da inizio 2021, creando una interessante finestra di ingresso per nuovi investimenti.

Giudizio degli analisti e valutazioni: Il giudizio medio dei 13 analisti e broker che seguono il titolo è pari a BUY (2,4) su una scala da 1 a 5 ( 1= Strong Buy, 2=Buy, 3=Hold, 4=Moderate Sell, 5=Sell) con un target medio pari a +56,4% per i prossimi 6-12 mesi.

2

Applichiamo ora una valutazione del titolo sulla base del Dividend Discount Model (DDM). Questo sistema è un metodo usato per la valutazione dei titoli a dividendo. Secondo questo metodo, il valore intrinseco di una società è pari alla somma di tutti i dividendi futuri previsti, attualizzati al valore di oggi, secondo un tasso corretto per il rischio, e tenendo conto del fattore tempo.

Abbiamo considerato i seguenti parametri per il calcolo:

1) Dividendo attuale per azione: 0,44 dollari

2) Stima di crescita futura del dividendo: +7% annuo, valore conservativo, sulla base delle forti stime di crescita degli utili previsti per i prossimi anni

3) Tasso di sconto applicato: 10% annuo

3

Applicati questi criteri, otteniamo un valore intrinseco del titolo ad oggi pari a 15,69 dollari. Sulla base delle ultime quotazioni di borsa il titolo presenta oggi uno sconto pari al 16,9% rispetto al valore calcolato. Approfittiamo del momento favorevole e acquistiamo oggi questa società per il nostro portafoglio Top Analisti, come una delle posizioni a rendita più interessanti per i prossimi anni.

martedì 14 dicembre 2021

Top Dividend - Dieci società ad elevato dividendo e rating BUY per il 2022


Top Dividend - Dieci società ad elevato dividendo e rating BUY per il 2022. Questo particolare modello ci permette di incassare una solida rendita mensile crescente, investendo in un paniere composto da 10 società internazionali ad alta rendita, con un rating BUY da parte degli analisti e una media di oltre 40 anni consecutivi di aumenti delle distribuzioni. In aggiunta ai ricchi dividendi, queste aziende hanno messo a segno performance record in borsa negli ultimi decenni e offrono forti potenziali di crescita per il futuro. Alle attuali quotazioni, gli analisti che seguono i dieci titoli assegnano al portafoglio un potenziale medio di crescita pari a +17,4%, a cui si somma un dividendo medio del 5% annuo, per un total return previsto pari a +22,4% per i prossimi 12 mesi.

Le ultime due settimane hanno effettivamente validato la teoria del pendolo per i mercati azionari. I timori per la nuova variante Omicron del Covid 19, che avevano causato una brusca correzione in tutto il mondo, con un ribasso del mercato Usa pari al 3,8% nella settimana precedente, hanno lasciato velocemente il posto ad un rinnovato forte ottimismo. In particolare, l'indice S&500, che raggruppa le 500 aziende maggiormente capitalizzate a Wall Street, ha chiuso venerdì scorso a 4.701,21 punti, in rialzo di +3,2% nelle ultime cinque sedute, recuperando quasi interamente le perdite delle cinque giornate precedenti. In pratica in sole dieci giornate di borsa si è passati da un profondo pessimismo ad un grande ottimismo, per ritornare esattamente ai valori di fine novembre senza una specifica ragione plausibile. In questo contesto, ben 22 società appartenenti al nostro portafoglio Top Analisti hanno messo a segno rialzi settimanali superiori al 4%. Tra queste, spicca CVS Health (CVS), colosso della salute, con un network di 10.000 farmacie negli Stati Uniti, che mostra un guadagno settimanale di +8,79%, dopo l'annuncio della società di un aumento del dividendo del 10%, abbinato al varo di un maxi piano di buyback, con acquisti di azioni proprie previste per 10 miliardi di dollari. Il titolo è presente nel nostro portafoglio dal 2019, con un progresso di +73,9%. Nonostante il forte incremento, la società quota a sole 11 volte gli utili previsti per l'anno in corso, con un largo sconto rispetto al mercato. Su queste basi manteniamo il titolo in portafoglio con un rating BUY, come partecipazione chiave del portafoglio nel settore strategico della salute.

Dopo l'aggiornamento di martedì scorso dei portafogli Top Analisti e ETF Italia, il report di oggi è interamente dedicato al portafoglio Top Dividend, il nostro modello composto in maniera costante da dieci società internazionali leader per dividendo. Il nuovo portafoglio di oggi conferma rendimenti elevati, con un dividendo medio pari a 5% annuo, contro 1,3% dell'indice S&P500, con un massimo di 9,1% annuo per la società con il maggiore dividendo, ad un minimo di 2,6% annuo per la società con il minore dividendo. Questo portafoglio, si propone di generare una rendita crescente, investendo in un paniere di aziende caratterizzate da lunghi track record di aumenti dei dividendi, con un minimo di almeno 25 anni consecutivi di crescite. Su un totale di oltre 8.000 aziende quotate a Wall Street, solamente 129 società superano attualmente questo importante parametro di selezione. In sintesi, meno di 2 aziende su 100 sono state capaci di aumentare i dividendi ogni anno, indipendentemente dall'andamento dei cicli economici, numerose recessioni e fasi di debolezza. I dividendi sono denaro contante che le società distribuiscono ogni trimestre ai propri azionisti. Per mantenere trend di aumenti costanti, sono necessari bilanci solidi, supportati da business consolidati e lunghi track record di crescite di utili e ricavi. Senza questi requisiti fondamentali, risulta difficile per le società sostenere aumenti delle distribuzioni per periodi più prolungati, e di fatto la crescita del dividendo costituisce un indicatore di solidità finanziaria di una impresa. Di conseguenza, questa ristretta elite di titoli, ha premiato gli investitori con performance superiori e una volatilità più contenuta rispetto agli indici di borsa. All'interno di questo gruppo, Top Dividend seleziona solamente quelle società con i dividendi più elevati, con una revisione mensile della composizione. Attualmente, i dieci titoli del portafoglio, superano ampiamente il parametro di almeno 25 anni di aumenti dei dividendi, con una media di 44 anni consecutivi di incrementi.

Portafoglio Top Dividend - Performance da inizio anno

Da inizio 2021, il portafoglio ha messo a segno un guadagno pari a +15,2%. In termini monetari, il portafoglio è passato da 72.739 dollari del 1 gennaio 2021, a 83.796 dollari di venerdì scorso, con un incremento di 11.056 dollari, di cui 2.609 dollari (netti da ritenute) derivanti da dividendi incassati.

2

Per visualizzare tutti i titoli PASSA AL LIVELLO 2

5

Su queste basi, proseguiamo con la nostra metodologia, basata sui dividendi e sui fondamentali, con una rigida selezione di un ristretto numero di società internazionali sottovalutate, caratterizzate da business consolidati e crescite pluriennali di utili e ricavi, potenzialmente capaci di generare rendite superiori nel lungo termine, con qualsiasi andamento di mercato. L'investimento in società a crescite dei dividendi è una maratona, che genera risultati superiori negli anni, sfruttando il potente effetto dell'interesse composto. Albert Einstein definiva l'interesse composto come l'ottava meraviglia del mondo, affermando: “Chi lo capisce guadagna, chi non lo capisce paga”. Con un rendimento del 15% anno, un capitale raddoppia ogni cinque anni e quadruplica ogni dieci anni, creando quello che molti definiscono come l'effetto palla di neve. Se prendiamo una piccola palla di neve (dividendi) e la facciamo rotolare giù da una montagna, questa accumulerà progressivamente altra neve diventando sempre più grande fino ad assumere dimensioni enormi (effetto composto).

Top Dividend è un potente e semplice strumento che permette di costruire una elevata rendita passiva, abbinata a potenziali capital gain nel medio lungo termine. Top Dividend è uno dei tre portafogli internazionali inclusi nel servizio online di Secondo Livello e viene elaborato utilizzando un sofisticato sistema di ricerca, in grado di identificare un ristretto gruppo di società, caratterizzate da dividendi periodici attestati ai massimi livelli e fondamentali a sconto rispetto al mercato, con una revisione mensile della composizione. In aggiunta al requisito di dividendo elevato, per appartenere al portafoglio Top Dividend, le società candidate per il portafoglio devono superare un ulteriore rigido parametro di selezione: avere mantenuto un track record di almeno 25 anni consecutivi di crescite dei dividendi, a garanzia della sicurezza e stabilità delle rendite distribuite dal modello. Questo ulteriore criterio conferma il profilo di elevata qualità delle aziende selezionate. Storicamente, le aziende con oltre 25 anni di aumenti dei dividendi, (dividend growth) hanno sistematicamente ottenuto performance superiori al mercato con una minore volatilità, e hanno dimostrato una maggiore capacità di attraversare indenni anche le fasi più difficili dei mercati, come recessioni economiche, crisi politiche, guerre locali e regionali, gravi attentati e shock petroliferi, che si sono alternate di frequente in questi ultimi decenni nel mondo.

L'importanza dei dividendi nel lungo termine e analisi storiche

La nostra strategia di selezione è indirizzata all'investimento in un paniere ristretto di società leader, caratterizzate da quotazioni a sconto e da lunghi track record di crescite dei dividendi, reinvestendo con costanza le cedole incassate e sfruttando il questo modo il potente effetto leva derivante dall'interesse composto. Secondo uno studio realizzato da Hartford Funds e Morningstar, che prende in considerazione 50 anni di borsa Usa (dal 1960 al 2020), un capitale di 10.000 dollari investito nel 1960 sui titoli a dividendo dell'indice S&P500, si è trasformato a fine 2020 in un importo pari a 3.845.730 dollari, considerando il reinvestimento dei dividendi, contro 627.161 dollari senza i dividendi, confermando come nel lungo termine gran parte della ricchezza accumulata sia stata generata proprio dai dividendi, spostando in secondo piano i soli capital gain.

7

Performance e dividendi dal 1871 ad oggi

Considerando l'intero periodo storico del mercato azionario Usa, e analizzando le performance secolari, notiamo che più si allunga l'orizzonte temporale e più i dividendi acquistano maggiore importanza nella determinazione della performance complessiva. Dal gennaio 1871 ad oggi la performance della borsa Usa è stata pari al 4,7% annuo composto senza considerare i dividendi e del 9,3% annuo composto calcolando il reinvestimento dei dividendi. Il potente effetto leva generato dell'interesse composto (effetto palla di neve) ha amplificato in maniera esponenziale i guadagni. Un solo dollaro investito sull'indice della borsa Usa nel 1871 è diventato oggi 1.003 dollari senza considerare i dividendi e ben 637.974 dollari reinvestendo i dividendi! (fonte dqydi.net)

5

Anche rettificando i dati per gli effetti dell'inflazione, i risultati storici restano elevati. Un dollaro investito sull'indice della borsa Usa nel 1871 vale oggi 46 dollari in termini reali senza considerare i dividendi e ben 29.047 dollari reinvestendo i dividendi, con un rendimento pari al 7% annuo composto al netto dell'inflazione!

6

In sintesi, i dividendi sono stati la maggiore componente per la performance complessiva dei mercati azionari nel lungo termine. Con una redditività elevata, e una media di oltre 40 cedole distribuite ogni anno ai partecipanti, Top Dividend si propone di ottenere un mix di dividendi e performance superiori nel corso di un intero ciclo di mercato. Vediamo ora nel dettaglio il nuovo portafoglio Top Dividend per il mese in corso.

Dividendo 5% - I dieci titoli del nuovo portafoglio Top Dividend

Per visualizzare tutti i titoli PASSA AL LIVELLO 2

5

Come si evidenzia, la tabella sopra contiene diversi indicatori fondamentali, per permettere ai nostri abbonati di effettuare ulteriori analisi e approfondimenti. Vediamo nel dettaglio i principali parametri fondamentali del portafoglio Top Dividend.

Dividendo %: La nuova selezione dei dieci titoli conferma rendimenti elevati, con un dividendo medio pari a 5% annuo, contro 1,3% dell'indice S&P500, con un massimo di 9,1% annuo per la società con il maggiore dividendo, ad un minimo di 2,6% annuo per la società con il minore dividendo.

Cap in mil $: Indica la capitalizzazione di borsa in milioni di dollari alle attuali quotazioni. Il valore attuale per le dieci società del portafoglio Top Dividend mostra un valore medio di 129 miliardi di dollari, con un massimo di 435 miliardi per la società con la maggiore capitalizzazione, ad un minimo di 5,5 miliardi per la società con la minore capitalizzazione.

Payout Ratio: Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, sono da preferire società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti ed inferiori a 1, a garanzia di stabilità delle cedole anche per il futuro. Il valore attuale per le dieci società del portafoglio Top Dividend mostra un Pay Out medio pari a 0,7.

Beta 60 mesi: Il Beta è il coefficiente che misura il comportamento di un singolo titolo rispetto al mercato. Un Beta maggiore di uno evidenzia oscillazioni di un titolo superiori al mercato, mentre un Beta inferiore ad uno mostra movimenti del titolo inferiori alle variazioni del mercato. Attualmente il Beta medio del portafoglio è pari a 0,9 con una rischiosità inferiore rispetto al mercato.

Fwd Price Earning: E' uno degli indicatori più usati nella valutazioni delle società. In questa colonna è riportato il Forward Price Earning, ovvero il rapporto tra prezzo di borsa e utili attesi per l'anno in corso. Attualmente il Price Earning medio delle dieci società del portafoglio è pari a 13,1 volte, contro 21,4 volte dell'indice S&P500.

Giudizio Analisti: Indica i giudizi medi dei broker e analisti internazionali che seguono attualmente le società. Il valore attuale per le dieci società del portafoglio Top Dividend mostra un giudizio medio pari a BUY (2,1), in una scala da 1 Strong Buy, a 5 Sell.

Numero Analisti: Indica il totale degli analisti che seguono le società. In media, le valutazioni riportate in tabella si basano su un totale di 10 analisti.

Target Analisti: indica il potenziale di crescita medio dai prezzi attuali di borsa calcolato dagli analisti per i prossimi 6-12 mesi. Attualmente l'obiettivo di guadagno medio del portafoglio Top Dividend è pari a +17,4%. Sommando i dividendi previsti, pari ad un ulteriore 5% annuo, il rendimento obiettivo totale sale a +23,4%. I target potenziali degli analisti sono pubblicati a scopo informativo e per un maggiore approfondimento da parte dei nostri lettori, ma non vengono considerati nella costruzione del portafoglio. La nostra selezione dei titoli si basa principalmente sul dividendo.

Movimenti per il portafoglio Top Dividend:

Vendite: PASSA AL LIVELLO 2.

Nuovi acquisti: PASSA AL LIVELLO 2. Segue analisi dettagliata della società.

Dividendo 7,1% e 27 anni consecutivi di aumenti - Nuovo aumento del dividendo e buyback per un leader mondiale nelle infrastrutture petrolifere ed energie rinnovabili

Principali motivazioni di acquisto: La scorsa settimana la società ha annunciato un nuovo aumento del dividendo trimestrale, passando da 0,835 dollari canadesi a 0,86 dollari canadesi, a partire dal prossimo dividendo in pagamento il 01/03/2022, agli azionisti registrati alla data del 15/02/2022. Con questo aumento, la società passa a 27 anni consecutivi di incrementi dei dividendi e ben 67 anni di pagamenti senza interruzioni. In aggiunta, la società ha deliberato un nuovo buyback, con acquisti di azioni proprie sul mercato fino ad un massimo di 1,5 miliardi di dollari canadesi, a sostegno del titolo in borsa.