martedì 27 settembre 2016

Dividendo 7,6% annuo - Dieci titoli internazionali ad elevata cedola trimestrale

Dieci titoli con maxi dividendi al 7,6% annuo, a cedole trimestrali e mensili. Nel report di oggi presentiamo ai lettori il nuovo aggiornamento mensile del nostro popolare portafoglio Top Dividend, composto dai dieci titoli Usa con i dividendi più elevati, selezionati con particolari criteri di ricerca e revisione.

La settimana appena trascorsa ha evidenziato forti progressi per i nostri portafogli, sulla scia del buon andamento a Wall Street, dopo la decisione di rinvio del rialzo dei tassi da parte della Fed. In particolare, ben 14 titoli del portafoglio Top Analisti hanno messo a segno incrementi superiori al 3% nelle ultime cinque sedute. Tra questi spicca il forte rialzo di Hyster Yale Materials Handling, quotato sul Nyse con simbolo HY, con una crescita di +16,5% dal venerdì precedente, dopo un upgrade da HOLD a BUY da parte di un analista e contestuali acquisti di azioni sul mercato da parte di alcuni manager della società. Fondata nel 1991 ed oltre 5000 dipendenti, questa azienda è il leader mondiale nella produzione di carrelli elevatori ad uso industriale ed è presente nel nostro portafoglio Top Analisti da marzo 2012. Nonostante il rialzo, la società presenta ancora buone prospettive di sviluppo secondo gli analisti da noi monitorati. Sulla base di queste considerazioni, manteniamo il titolo con una quota dello 0,6% del portafoglio.

Dopo l'aggiornamento di martedì scorso, che includeva una dettagliata analisi dei portafogli Top Analisti ed ETF Italia, l'edizione di oggi è interamente dedicata al nostro portafoglio Top Dividend, il popolare modello che si compone dei dieci titoli quotati a Wall Street con il maggiore dividendo. Questo portafoglio, partito nel settembre di 16 anni fa, ha messo a segno una performance complessiva record, pari a +594%, contro +106,7% realizzato dall'indice S&P500 nello stesso periodo dall'indice S&P500 nello stesso periodo, confermando l'efficacia delle strategie a dividendo nel lungo termine. Top Dividend è un potente strumento che permette di beneficiare di una elevata rendita passiva, con oltre 40 incassi annui derivanti da dividendi, abbinata a potenziali capital gain di medio termine. Top Dividend è uno dei tre portafogli internazionali inclusi nel servizio online di Secondo Livello e viene elaborato utilizzando un sofisticato sistema di ricerca in grado di identificare ogni mese un ristretto gruppo di dieci società caratterizzate da dividendi periodici attestati ai massimi livelli e fondamentali a sconto rispetto al mercato. Storicamente i titoli a dividendo sono stati caratterizzati da andamenti più stabili rispetto al mercato, assicurando agli investitori una continuità di entrate durante tutti i mesi dell’anno, indipendentemente dall'andamento degli indici di borsa. Per questa ragione, gli investitori a dividendo preferiscono mantenere una strategia indirizzata al Buy and Hold. Autorevoli studi confermano l'importanza dei dividendi nel lungo termine:

50 anni di borsa - Analisi storica dei dividendi

Per analizzare l'incidenza dei dividendi sulle performance di lungo periodo, abbiamo considerato l'andamento storico dell'indice S&P500 degli ultimi 50 anni (luglio 1966 - luglio 2016), escludendo ed includendo i dividendi nel calcolo. L'indice S&P500 è uno dei più importanti, e raggruppa le 500 aziende Usa maggiormente capitalizzate. Come si evidenzia dalla tabella sotto (fonte dqydi.net), la performance storica dell'indice nel periodo è stata pari a +2.700% senza considerare i dividendi, per un tasso annuo composto pari al 6,9%. Aggiungendo al conteggio il reinvestimento dei dividendi, la performance complessiva quadruplica e passa a +12.145%, per un tasso annuo composto pari al 10,1%. In sintesi, gran parte dei guadagni in borsa negli ultimi 50 anni sono stati ottenuti dal costante reinvestimento dei dividendi.

Perchè i dividendi contano - Analisi storica Guinness Atkinson Funds

Secondo uno studio realizzato da Guinness Atkinson Funds, che prende in considerazione un periodo di 60 anni di borsa, più si allunga il mantenimento dei titoli in portafoglio e più i dividendi contano nel totale delle performance generate.

Dal 1940 al 2011, con una media di mantenimento dei titoli in portafoglio pari ad un anno, i dividendi hanno contato per il 27% della performance complessiva dell'indice S&P500. Incrementando il periodo di possesso dei titoli a tre anni, i dividendi hanno contato per il 38%, a cinque anni il 42%, a dieci anni il 48%, fino ad arrivare al 60% per periodi di investimento di 20 anni. Considerando invece l'intero periodo analizzato, dal 31 dicembre 1940 al 31 dicembre 2011, i dividendi reinvestiti costantemente hanno contato per oltre il 90% della performance complessiva. Un capitale di 100 dollari investito nel 1940 è diventato circa 174.000 dollari alla fine del 2011 con i dividendi reinvestiti, contro circa 12.000 dollari senza considerare i dividendi.

Boom della domanda di nuovi strumenti a rendita passiva come fonte di entrate integrative

Secondo l' Ufficio Censimento degli Stati Uniti, il 13% della popolazione americana già oggi è classificata come "pensionata", con un'età media superiore ai 65 anni. Considerato che la speranza di vita media negli Usa è pari a 79 anni, per mantenere adeguato il tenore di vita precedente, questa parte della popolazione deve vivere per decenni con le rendite periodiche ottenute dai propri investimenti. Con un numero sempre maggiore di persone nate tra il 1946 e il 1964 che stanno entrando ogni giorno in questa categoria, la domanda di prodotti ad elevata rendita o dividendo dovrebbe evidenziare forti crescite nei prossimi anni. Il grafico sotto evidenzia il trend di crescita della popolazione over 65 negli Usa nei prossimi anni. Secondo le ultime proiezioni, nel 2050 il livello degli ultrasessantacinquenni arriverà a sfiorare il 30% dell'intera popolazione. In pratica, ciascun lavoratore attivo avrà in carico un pensionato, con importanti ripercussioni sul fronte sociale. Su queste basi i dividendi costituiranno nel futuro una importante fonte di produzione di redditi aggiuntivi. Selezionando titoli in grado di produrre una rendita passiva elevata nel corso di tutti i mesi dell'anno, il nostro portafoglio Top Dividend risponde oggi alla crescente richiesta di questi strumenti.

Dogs Of The Dow - La base di partenza della nostra strategia operativa

Sulla base delle analisi storiche che evidenziano l'effettiva importanza dei dividendi, il nostro portafoglio Top Dividend è nato nel 2000 da una evoluzione e rivisitazione di "The Dogs of The Dow", una popolare strategia di Michael O'Higgins. Creata nel 1991, questa tecnica si propone di selezionare i dieci titoli del Dow Jones Industrial con il dividend yield più elevato mantenendoli in portafoglio per un anno intero senza modifiche. Higgins nei suoi studi aveva notato che in un orizzonte di medio termine i titoli selezionati mediante questa metodologia ottenevano costantemente performance superiori al mercato. Complessivamente, dal 1973 ad oggi la strategia ha messo a segno un rendimento annuo composto pari a +17,7%, contro una performance dell’indice Dow Jones pari a +11,9% annuo nel periodo.

Portafoglio Top Dividend - Affinamento della metodologia di selezione

Dopo aver analizzato i risultati conseguiti dalla strategia dei Dogs, ci eravamo chiesti se fosse stato possibile migliorare ulteriormente le performance con opportuni adattamenti della tecnica. Dopo diversi test, analisi e simulazioni al computer, abbiamo quindi creato un portafoglio potenzialmente in grado di sfruttare in maniera più efficace la strategia di Higgins. Affinando la metodologia dei Dogs, il Top Dividend seleziona i dieci titoli ad alto dividendo muovendosi non solo all’interno delle maggiori Blue Chips, ma esplorando anche il ricco mondo delle Small Cap, tendenzialmente più performanti nel medio lungo termine ed attuando una revisione mensile (anziché annuale) dei titoli presenti in portafoglio. Applicando questi parametri, negli ultimi 16 anni siamo riusciti a migliorare ulteriormente le performance rispetto al modello iniziale. Partendo da queste considerazioni, presentiamo il nuovo portafoglio Top Dividend, che raggruppa i dieci titoli del listino Usa con i dividendi più elevati, da acquistare oggi e validi per i prossimi 30 giorni. Le performance di lungo termine ottenute da questo modello negli anni confermano la validità e l’importanza delle cedole. Si tratta di una strategia potente e facile da seguire, caratterizzata da pochi trading mensili (in media tra due e tre compravendite al mese), che sta raccogliendo attenzioni crescenti da parte dei nostri abbonati, che utilizzano il Top Dividend assieme ad altri investimenti per incrementare le entrate mensili. I dieci nuovi titoli che abbiamo selezionato per il report di oggi offrono complessivamente livelli cedolari elevati, con un rendimento medio annuo pari al 7,6% ed un price earning medio pari a 11,1 volte, rispetto ai multipli offerti dall’indice S&P500, che presenta dividendi al 2,1%, ed un price earning a 17,2 volte. Secondo i dati di Back Test, dalla partenza di settembre 2000 ad oggi, il portafoglio ha messo a segno un rendimento record, pari al 13,3% annuo composto, contro una performance dell'indice S&P500 pari al 4,8% annuo nello stesso periodo. Il rendimento cumulativo del modello è stato pari a +594%, contro +106,7% realizzato dall'indice S&P500 nello stesso periodo. In sintesi, il nostro pacchetto di dieci titoli ad alto dividendo ha ottenuto negli anni una performance complessiva superiore di oltre cinque volte rispetto alla borsa. Dalla partenza, un capitale di 12.000 dollari investito in parti uguali nei dieci titoli del Top Dividend, è diventato ad oggi 84.822 dollari, contro 25.260 dollari ottenuti dall’indice S&P500 nello stesso periodo. Con una redditività elevata, e una media di oltre 40 cedole annue distribuite ai partecipanti, Top Dividend si propone di ottenere un mix di dividendi e performance superiori nel corso di un intero ciclo di mercato.
Vediamo ora nel dettaglio il nuovo portafoglio Top Dividend per il mese in corso.

Dividendo 7,6% - I dieci titoli da acquistare oggi per il portafoglio Top Dividend


Come si evidenzia dalla tabella, la nuova selezione dei dieci titoli conferma rendimenti elevati, con un dividendo medio pari al 7,6% annuo. La tabella, contiene diversi indicatori fondamentali, per permettere ai nostri abbonati di effettuare ulteriori analisi e approfondimenti. La tabella include tutti i principali multipli per ciascun titolo, tra cui l’indicatore Beta a 60 mesi. Il Beta è il coefficiente che misura il comportamento di un singolo titolo rispetto al mercato, ovvero la variazione che un titolo assume storicamente rispetto alle variazioni del mercato. Un Beta maggiore di uno evidenzia oscillazioni di un titolo superiori al mercato, mentre un Beta inferiore ad uno mostra movimenti del titolo inferiori alle variazioni del mercato. Attualmente il Beta medio del portafoglio è pari a 0,8, con una rischiosità inferiore del 20% rispetto al mercato. Questa indicatore si aggiunge a due ulteriori colonne di analisi che riportano per ciascun titolo il target medio a 12 mesi rilevato dagli analisti e il potenziale di guadagno in termini percentuali. In aggiunta ai target, i nostri lettori possono consultare altri indicatori fondamentali presenti nella tabella, come il price earning, i giudizi dei broker e la percentuale di Pay Out relativa al dividendo. Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo.

Obiettivo di crescita a 12 mesi: Per calcolare il potenziale di crescita del portafoglio abbiamo considerato il target medio assegnato ai dieci titoli dai principali broker e analisti internazionali per i prossimi 6-12 mesi. Secondo questi parametri, Top Dividend offre complessivamente un potenziale di crescita a 12 mesi escluso dividendi pari a +5,4% dai livelli attuali. Sommando i dividendi previsti, pari ad un ulteriore 7,6% annuo, il rendimento obiettivo sale a +13%. I target potenziali degli analisti sono pubblicati a scopo informativo e per un maggiore approfondimento da parte dei nostri lettori, ma non vengono considerati nella costruzione del portafoglio. La nostra selezione dei titoli si basa principalmente sul dividendo. Il giudizio medio dei broker sul titoli del portafoglio è pari a 2,7 in una scala da 1 a 5 ( 1= Strong Buy, 2=Buy, 3=Hold, 4=Moderate Sell, 5=Sell). I dieci titoli offrono in media un dividendo lordo pari al 7,6% annuo, con un range oscillante tra il 12,1% del titolo a maggiore dividendo e il 5,2% del titolo con il minore dividendo.

Movimenti per il portafoglio Top Dividend: Dopo i due nuovi acquisti effettuati a giugno 2016, tutti i dieci titoli rimangono confermati per il mese in corso, sulla base dei dividendi elevati, e sono da mantenere in portafoglio senza variazioni fino a martedì 25 ottobre 2016, data del prossimo aggiornamento mensile. Per coloro che ancora non possiedono tutti i titoli, o che iniziano a costruire un nuovo portafoglio, acquistare oggi in apertura di mercato Usa un controvalore pari ad un decimo per ciascuna posizione indicata in tabella (le due posizioni WIN e CSAL derivano dallo spinoff di aprile 2015 di Windstream e vanno considerate assieme come un decimo del portafoglio).

Analizziamo ora nel dettaglio uno dei dieci componenti del nuovo portafoglio Top Dividend in vigore da oggi:

Dividendo 6,8% e 6 anni consecutivi di incrementi della cedola

Descrizione del business: Con sede principale a Irvine, California, questa azienda opera come fondo di investimento immobiliare negli Stati Uniti. La società, attraverso le sue controllate, possiede e investe in proprietà immobiliari specifiche per il settore sanitario. Il suo portafoglio si compone di 180 proprietà che comprendono strutture di cura specializzate, centri di assistenza specializzata e case di riposo per anziani, strutture di residenza assistita e di salute mentale,  strutture per pazienti autosufficienti e per la cura dei pensionati. La società affitta le sue proprietà ad aziende specializzate del settore, che corrispondono i canoni di locazione. Attualmente la società conta un totale complessivo di 18.349 posti letto tra Stati Uniti e Canada. Stiamo parlando di Sabra Healthcare, quotato sul Nasdaq con simbolo SBRA e codice Isin US78573L1061.

Giudizio degli analisti e valutazioni: Attualmente il titolo offre multipli interessanti in borsa, con un price earning pari a 10,6 volte gli utili attesi per il 2017 e un track record di 6 anni di crescite consecutive dei dividendi. Il giudizio medio degli 11 analisti e broker che seguono il titolo è pari a 2,5 (BUY) su una scala da 1 a 5 ( 1= Strong Buy, 2=Buy, 3=Hold, 4=Moderate Sell, 5=Sell), e questo fattore, unito al ricco dividendo del 6,8% annuo suddiviso in rate trimestrali, conferma l'inserimento nel modello anche per questo mese. Al fine di garantire una adeguata diversificazione del portafoglio, questo titolo andrebbe considerato esclusivamente in abbinamento con gli altri nove titoli indicati nella tabella.

Buone performance a tutti!
Paolo Crociato

venerdì 22 maggio 2015

Pepsico +5958% in borsa dal 1972 e 43 anni consecutivi crescite del dividendo


La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: Pepsico, quotata sul Nyse con simbolo PEP - Descrizione del business: Fondata nel 1898 a New York ed oltre 270.000 dipendenti, la società vanta sedi operative in tutti i paesi del mondo è attualmente una delle maggiori multinazionali nel settore delle bevande, snacks e ristorazione. Per comprendere le dimensioni di questo business, basti pensare che ogni giorno nel mondo vengono consumati circa 9 miliardi di snacks, con un mercato potenziale enorme di 3 triliardi annui di consumi!  Pepsico è il leader assoluto in questo importante settore con una quota di mercato che supera ampiamente tutti i diretti concorrenti. Dal 1 giugno 1972 ad oggi l'azienda ha messo a segno una performance record in borsa, con un guadagno pari a +5958%, contro +1817% registrato dall'indice S&P500 nello stesso periodo. (vedi grafico sotto)

clicca per ingrandire
Dividendo annuo 2,9% con 43 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 19,7 volte gli utili attesi per il 2016 - Rischiosità: inferiore del 40% rispetto al mercato - Giudizio medio degli analisti e broker che seguono il titolo: 2,2 BUY (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +157,7%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +127,5% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5%, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.

mercoledì 20 maggio 2015

McDonald's - +30134% in borsa dal 1970 e 39 anni consecutivi crescite del dividendo


La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: McDonald's, quotata sul Nyse con simbolo MCD - Descrizione del business: Fondata nel 1940, ed oltre 420.000 dipendenti, l’azienda è il leader globale della ristorazione, con oltre 36.000 ristoranti in tutto il mondo - Dal 1970 ad oggi l'azienda ha messo a segno una performance record in borsa, con un guadagno pari a +30134%, contro +2274% registrato dall'indice S&P500 nello stesso periodo. (vedi grafico sotto)

clicca per ingrandire
Dividendo annuo 3,5% con 39 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 19,3 volte gli utili attesi per il 2016 - Rischiosità: inferiore del 24% rispetto al mercato - Giudizio medio degli analisti e broker che seguono il titolo: 2,7 HOLD (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +157,7%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +127,5% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5%, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.

martedì 12 maggio 2015

Emerson Electric - Dividendo 3,2% e 58 anni consecutivi crescite del dividendo



La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: Emerson Electric, quotata sul Nyse con simbolo EMR - Descrizione del business: Fondata nel 1890, ed oltre 115.000 dipendenti, l’azienda fornisce una gamma molto ampia di prodotti e servizi tecnologici con ben 220 centri di produzione in tutto il mondo - Dividendo annuo 3,2% con 58 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 16,2 volte gli utili attesi per il 2016 - Rischiosità: superiore del 12% rispetto al mercato - Giudizio medio degli analisti e broker che seguono il titolo: 2,8 HOLD (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +157,7%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +127,5% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5%, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.

martedì 5 maggio 2015

25,4% annuo composto dal 1999 ad oggi - Aggiornamento ed analisi strategia dividendi "Low Payout"

Dopo molte richieste da parte dei nostri lettori, torniamo oggi ad analizzare nel dettaglio la strategia dividendi denominata "Low Payout", che ha messo a segno forti performance negli ultimi 16 anni. L'analisi di oggi parte da uno studio pubblicato dal Credit Suisse nel 2009 in merito alla performance di lungo termine dei titoli a dividendo rispetto all'indice S&P 500. Lo studio analizza 19 anni di borsa, da inzio gennaio 1990 a fine dicembre 2008 e suddivide i titoli in base a diverse categorie di dividendo. Secondo gli analisti della banca svizzera, i migliori risultati in borsa nel periodo considerato sono stati ottenuti investendo in titoli ad alto rendimento (High Yield), caratterizzati da un basso Pay Out (Low Pay Out). Il Pay Out indica la percentuale dell’utile annuo destinata agli azionisti come dividendo. In generale, secondo questa metodologia sono da preferire società che mantengono livelli di Pay Out più contenuti, a garanzia di stabilità delle cedole anche per il futuro (vedi grafico sotto fonte Credit Suisse).

clicca per ingrandire

Sulla base di queste considerazioni, abbiamo utilizzato i risultati di questa strategia per costruire un portafoglio composto costantemente dai sette titoli dell'indice S&P500 con il dividendo più elevato e PayOut più basso.  Per identificare i titoli che compongono il modello abbiamo applicato i seguenti criteri:
  • appartenenza all'indice S&P500 (primi 500 titoli Usa per capitalizzazione di borsa). In questo modo manteniamo in portafoglio solamente titoli ad elevata capitalizzazione e grande facilità di trading (blue chips).
  • selezione titoli ad alto dividendo TOP 35% - Applicando questo parametro abbiamo selezionato il 35% dei titoli tra quelli con il dividendo più elevato nell'indice S&P500, ordinandoli in ordine decrescente. (solo 175 titoli selezionati).
  • Low Pay Out Bottom 7- Tra i 175 titoli ad alto dividendo selezionati, abbiamo selezionato i sette titoli con il livello di Payout più basso, acquistandoli in parti uguali, pari ad un settimo del portafoglio per ciascun titolo.
  • I sette titoli selezionati con questa metodologia sono stati mantenuti in portafoglio per un semestre intero e ad ogni scadenza semestrale è stata aggiornata la composizione del modello ripetendo la ricerca con la stessa metodologia e sostituendo quei titoli che non rispondevano più ai requisiti.
I risultati sono stati sorprendenti e hanno confermato la capacità di questa strategia nel generare performance sensibilmente più elevate rispetto al mercato, il tutto con una operatività molto limitata (solo due movimenti annui di portafoglio).

lunedì 4 maggio 2015

Kimberly-Clark - Dividendo 3,3% e 43 anni consecutivi crescite del dividendo


La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: Kimberly-Clark, quotata sul Nyse con simbolo KMB - Descrizione del business: Fondata nel 1872, la società di cui parliamo oggi, tramite le sue controllate, produce e commercializza in tutto il mondo prodotti per la cura personale e prodotti professionali con i marchi  Kleenex, Scott, Cottonelle, Viva, Andrex, Scottex, Neve, e altri marchi - Dividendo annuo 3,3% con 43 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 17,9 volte gli utili attesi per il 2016 - Rischiosità: inferiore del 33% rispetto al mercato - Giudizio medio degli analisti e broker che seguono il titolo: 2,9 HOLD (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +157,7%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +127,5% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5%, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.

sabato 2 maggio 2015

California Water Service - Dividendo 2,7% e 48 anni consecutivi crescite del dividendo




La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: California Water Service, quotata sul Nyse con simbolo CWT - Descrizione del business: Fondata nel 1926, la società di cui parliamo oggi, tramite le sue controllate, è impegnata nella distribuzione  di acqua ed altri servizi collegati ad oltre 450.000 utenti in California, Washington, New Mexico e Hawaii - Dividendo annuo 2,7% con 48 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 17,6 volte gli utili attesi per il 2016 - Rischiosità: superiore del 14% rispetto al mercato - Giudizio medio degli analisti e broker che seguono il titolo: 2,4 BUY (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +157,7%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +127,5% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5%, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.

giovedì 8 gennaio 2015

Universal Corp - Dividendo 5,1% e 44 anni consecutivi crescite del dividendo


La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: Universal Corp, quotata sul Nyse con simbolo UVV - Descrizione del business: Fondata nel 1888 ed oltre 26.000 dipendenti, la società di cui parliamo oggi, tramite le sue controllate, è impegnata nell'acquisizione, lavorazione, confezionamento, stoccaggio, e trasporto di foglie di tabacco per conto dei fabbricanti di prodotti di consumo a base di tabacco e per la fabbricazione di sigarette - Dividendo annuo 5,1% con 44 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 14,1 volte gli utili attesi per il 2015 - Rischiosità: superiore del 34% rispetto al mercato - Giudizio medio degli analisti e broker che seguono il titolo: 2 BUY (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +156,9%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +124,6% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5 %, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.

venerdì 2 gennaio 2015

Chevron - Dividendo 4,1% e 27 anni consecutivi crescite del dividendo


La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: Chevron, quotata sul Nyse con simbolo CVX - Descrizione del business: Fondata nel 1879 ed oltre 64.000 dipendenti, la società di cui parliamo oggi, tramite le sue controllate, è impegnata in tutto il mondo nella vendita di petrolio, prodotti chimici, e produzione di energia. Questa importante multinazionale opera con esplorazioni attive in  Angola, Nigeria, Australia, Indonesia e Kazakhstan. La società detiene riserve per 11,2 miliardi di barili, 18% dei quali situato negli Stati Uniti. Attualmente l’azienda produce circa 2,6 milioni di barili al giorno, dei quali 25% sono destinati agli Usa e 75% al resto del mondo - Dividendo annuo 4,1% con 27 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 15,5 volte gli utili attesi per il 2015 - Rischiosità: superiore del 10% rispetto al mercato - Giudizio medio dei 21 analisti e broker che seguono il titolo: 2,5 HOLD (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +156,9%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +124,6% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5 %, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.

mercoledì 31 dicembre 2014

Aflac - Dividendo 2,6% e 32 anni consecutivi crescite del dividendo

La nuova società selezionata oggi da dividendi.org per un possibile ingresso nel portafoglio è: Aflac Inc, quotata sul Nyse con simbolo AFL - Descrizione del business: fondata nel 1955 ed oltre 9.000 dipendenti, la società è una delle maggiori compagnie assicurative Usa specializzata nel settore vita - Dividendo annuo 2,6% con 32 anni consecutivi di aumento della cedola - Price earning: 10 volte gli utili attesi per il 2015 - Rischiosità: superiore del 10% rispetto al mercato - Giudizio medio dei 16 analisti e broker che seguono il titolo: 2,6 HOLD (in una scala da 1 Strong Buy a 5 Sell). Su queste basi, la società presenta i requisiti per un potenziale ingresso nel portafoglio Top Analisti, riservato in forma integrale agli utenti del portale Strategyinvestor iscritti al Secondo Livello. Il popolare modello Top Analisti, uno dei più seguiti dai nostri lettori, racchiude in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +156,9%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +124,6% nello stesso periodo. Attualmente il portafoglio presenta una rendita media da dividendo pari al 4,5 %, oltre il doppio rispetto all' 1,9% del mercato. Con queste caratteristiche, Top Analisti si presenta come un potente strumento in grado di generare rendite passive crescenti nel tempo, adatto per coloro che desiderano flussi stabili di entrate unite a potenziali capital gain nel medio termine.